A- A+
Medicina
Coronavirus, solo due dosi di vaccino proteggono dalla variante Delta
Vaccino

“Una sola dose di vaccino Pfizer o AstraZeneca non è sufficiente a proteggere dalla nuova variante Delta, mentre  le due dosi di entrambi i vaccini sono in grado di bloccarla, anche se in modo leggermente inferiore rispetto agli altri vaccini” è quanto rileva un recentissimo studio dell'Istituto Pasteur francese pubblicato su Nature.

La variante Delta è stata rilevata per la prima volta in India lo scorso ottobre. È già presente in 98 paesi. Si pensa sia il 60% più contagiosa della variante Alfa, inizialmente rilevata nel Regno Unito.

Delta ha diverse mutazioni che potrebbero rendere gli anticorpi generati da persone che hanno avuto COVID o da coloro che vengono vaccinati non altrettanto efficaci.

Lo studio francese è stato svolto in laboratorio e si è basato sulla misurazione dell'efficacia contro il virus degli anticorpi, le proteine ​​del sistema immunitario in grado di bloccare l'ingresso del patogeno nelle cellule.

Il team ha analizzato se gli anticorpi delle persone che hanno avuto il COVID e quelli di coloro che hanno ricevuto una o due dosi dei vaccini neutralizzano la variante Delta. Hanno anche analizzato la capacità neutralizzante di Bamlanivimab, un farmaco a base di anticorpi prodotto da Eli Lilly. Lo studio è stato svolto su un campione di 162 pazienti, 59 dei quali hanno ricevuto una o due dosi del vaccino.

I risultati hanno mostrato che gli anticorpi delle persone che hanno superato il Covid non sono molto efficaci contro il Delta. Ma questa efficacia aumenta di diversi ordini di grandezza quando si tratta di persone che hanno avuto la malattia e hanno anche ricevuto una dose di vaccino. È uno scenario simile a quello visto con le persone non infette che ricevono il vaccino. Gli anticorpi generati con una singola dose di Pfizer o Astrazeneca non riescono a fermare il virus nei piatti di coltura di laboratorio, ma lo fanno quando è in atto il regime completo. I trials sul campo hanno confermato questi dati. Uno studio ufficiale del Regno Unito su oltre 14.000 infetti con la variante Delta ha mostrato che i vaccini Pfizer / BioNTech e Astrazeneca hanno prevenuto oltre il 90% dei ricoveri. Naturalmente, una singola dose del vaccino è del 17% meno efficace contro la nuova variante rispetto al resto.

Nonostante questi buoni risultati Pfizer e BioNTech hanno annunciato di aver già prodotto una nuova versione del loro farmaco per combattere la variante Delta.

Le aziende inizieranno gli studi clinici ad agosto. Entrambe le società stanno anche promuovendo una terza dose di richiamo. Una terza vaccinazione aumenterebbe i livelli di anticorpi contro la variante delta da cinque a dieci volte.

I dati di Pfizer sono in contrasto con quelli forniti da Moderna, produttore dell'altro vaccino a base di RNA messaggero. Dieci giorni fa, la società ha annunciato di aver osservato solo una diminuzione "moderata" del livello di anticorpi generati dal vaccino contro la variante Delta. "Questi nuovi dati sono incoraggianti e rafforzano la nostra fiducia che il vaccino dovrebbe continuare a proteggere dalle nuove varianti rilevate", ha spiegato Stéphane Bancel, CEO di Moderna.

 

 

Commenti
    Tags:
    deltavaccinipfizermodernaastra zeneca
    in evidenza
    Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

    Costume

    Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

    Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.