A- A+
Medicina
Covid-19, l'indagine Altamedica: "Sesso e convivenza non aumentano il rischio"

CORONAVIRUS, BASSI CONTAGI TRA MOGLIE E MARITO. SESSO E CONVIVENZA NON AUMENTANO IL RISCHIO - L’ESPERTO, NESSUNA TRASMISSIONE IN 35% FAMIGLIE, L’INTIMITÀ NON È SINONIMO DI PERICOLO!

Marito e moglie possono stare sereni: condividere il letto e praticare una regolare attività sessuale non rappresenta un grave rischio Covid. Sicuramente non più di quanto accade nello svolgimento delle normali attività quotidiane fuori dalle mura di casa.

E’ quanto emerge da uno studio condotto da Altamedica Medical Center di Roma, che ha valutato la trasmissione del virus Sars-Cov-2 in 40 clusters familiari composti da 110 membri (80 genitori e 30 figli) che hanno vissuto a stretto contatto con coniugi affetti da Covid-19 durante il lockdown. La trasmissione del virus tra i due coniugi è stata rilevata mediante test sierologico per valutare la presenza di IgM e IgG specifiche per il virus.

Nel 65% dei nuclei familiari (26 famiglie) valutati è stata identificata la trasmissione del virus tra i due coniugi, mentre il restante 35% (14 famiglie) ha riportato la presenza di un test sierologico negativo nell’altro coniuge, dunque la trasmissione del Sars-Cov-2 tra i due coniugi non è stata identificata, anche se il 71% (10 famiglie su 14) non ha mantenuto alcun distanziamento in casa. Inoltre, solo due figli (entrambi maschi) rispettivamente di 22 e 30 anni sono stati contagiati dal genitore affetto  mentre i restanti 28 figli di età compresa tra 1 e 30 anni non hanno contratto il virus. 

“La valutazione dell’outbreak da Covid-19 in clusters familiari apre nuove questioni sulla trasmissione virale - spiega Claudio Giorlandino, ginecologo, Direttore Scientifico del Gruppo Sanitario Altamedica e direttore generale dell’Italian College of Fetal Maternal Medicine - La quarantena imposta dal Governo non sembra aver protetto i nuclei familiari piùdi quanto già la virulenza faccia di per se stessa!" .

"Dai dati è emerso che nel 35% delle famiglie i coniugi, pur vivendo insieme, dormendo nello stesso letto, respirando la stessa aria e mangiando dalle stesse portate, non hanno trasmesso il virus al compagno e tantomeno ai figli. Dunque l’intimità non fa male, anzi nel cluster ambulatoriale esaminato sembrerebbe addirittura protettiva perché chi si contagia dal partner poiché non manifesta sintomatologia. Questo apre a una considerazione: oltre al distanziamento sociale ci vuole buon senso, se il contagio non è matematico nella stessa famiglia non lo sarà neanche in strada, ammesso di entrare in contatto con un positivo. Inoltre chi non manifesta sintomi è poco infettivo e anche in caso di contagio il virus sarà poco aggressivo”. 

Nel dettaglio dallo studio emerge che tra le 26 famiglie con trasmissione virale tra i due coniugi, si è registrata la presenza del virus in 10 donne e 16 uomini. Solo 10 coniugi affetti da Covid-19 ha mostrato la presenza di sintomi (modesti), mentre gli altri 16 sono risultati asintomatici. Il distanziamento familiare è stato attuato solo in 2 famiglie su 26. Tra i 12 figli conviventi in queste 26 famiglie solo 1 è risultato essere positivo al test sierologico, in particolare in una delle famiglie in cui non si sono adottate misure di distanziamento. 

Le 14 famiglie con mancata trasmissione virale, composte 6 donne affette e 8 uomini affetti ed i rispettivi coniugi, hanno vissuto in casa con i 18 figli (10 maschi e 8 femmine) di età compresa tra 1 e 30 anni, risultati negativi al test sierologico. Tra queste 14 famiglie solo 4 hanno mantenuto il distanziamento in casa dopo la comparsa dei primi sintomi, quali febbre ed anosmia. Le restanti 10, malgrado la presenza in 4 di esse del coniuge paucisintomatico hanno deciso di non adottare norme di distanziamento in casa, condividendo quindi lo stesso letto e utilizzando gli stessi spazi. Inoltre, il mancato distanziamento in casa è stato riportato anche nelle ultime 6 famiglie in cui i pazienti erano completamente asintomatici.

Commenti
    Tags:
    covid-19altamedicasesso
    in evidenza
    Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

    Sport

    Paola Ferrari in gol, sulla barca
    "Niente filtri". Che bomba, foto

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

    Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.