A- A+
Medicina
Fibrosi cistica: parere positivo del CHMP su KAFTRIO

il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) ha dato parere positivo su KAFTRIO (ivacaftor/tezacaftor/elexacaftor) in regime di combinazione con KALYDECO (ivacaftor), per il trattamento di persone di età pari o superiore a 12 anni affette da Fibrosi Cistica con i genotipi più comuni

Vertex Pharmaceuticals Incorporated ha annunciato oggi che il Comitato per i medicinali ad uso umano (CHMP) dell’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha espresso il parere positivo per KAFTRIO (ivacaftor/tezacaftor/elexacaftor) in regime di combinazione con KALYDECO (ivacaftor) per il trattamento di persone affette da Fibrosi Cistica (FC) di età pari o superiore a 12 anni con una mutazione F508del e una mutazione con funzione minima (F/MF) o due mutazioni F508del (F/F) nel gene regolatore della conduttanza transmembrana della fibrosi cistica (CFTR).

Con l’approvazione, fino a 10.000 persone in Europa affette da FC di età pari o superiore a 12 anni che hanno una mutazione F508del e una mutazione con funzione minima diventerebbero eleggibili per un farmaco che agisce sul difetto proteico all’origine della malattia. Inoltre, pazienti di età pari o superiore a 12 anni che hanno due mutazioni F508del e che attualmente sono eleggibili per uno dei trattamenti di Vertex già approvati dall’EMA per la Fibrosi Cistica, diventerebbero eleggibili per il nuovo regime in tripla combinazione.

Il parere positivo del CHMP si è basato sui risultati di due studi di Fase III condotti a livello globale su persone con FC: uno studio placebo-controllato di 24 settimane su persone di età pari o superiore a 12 anni con una mutazione F508del e una mutazione con funzione minima e uno studio di 4 settimane della terapia in tripla combinazione a confronto con tezacaftor/ivacaftor su persone di età pari o superiore a 12 anni con due mutazioni F508del. Entrambi gli studi di FASE III hanno mostrato miglioramenti statisticamente e clinicamente significativi della funzione polmonare (percentuale del predetto del volume espiratorio forzato in un secondo; ppFEV1), che rappresentava l'endpoint primario ed in tutti gli endpoint secondari chiave. In entrambi gli studi, ivacaftor/tezacaftor/elexacaftor in combinazione con ivacaftor è stato generalmente ben tollerato.

"I risultati clinici relativi a ivacaftor/tezacaftor/elexacaftor in regime di combinazione con ivacaftor su persone con FC di età pari o superiore a 12 anni con un genotipo F/F o F/MF sono senza precedenti. Oltre ai miglioramenti della funzione polmonare, i dati hanno mostrato miglioramenti significativi in altri parametri di valutazione, inclusa la qualità della vita dei pazienti misurata attraverso il punteggio del dominio respiratorio del CFQ-R”, ha commentato il professor Marcus A. Mall, MD, capo del dipartimento di pediatria, divisione di pneumologia, immunologia e medicina intensiva presso il Charité University Medical Center di Berlino. “Sia i clinici che le comunità di pazienti sono entusiasti del fatto che molte più persone affette da FC potranno ora beneficiare dei modulatori del CFTR.” 

“Siamo davvero lieti di aver ricevuto il parere positivo dal CHMP. Se approvato, questo sarebbe il primo modulatore CFTR per le persone con una mutazione F508del e una mutazione con funzione minima. Potrebbero inoltre beneficiarne anche le persone con due mutazioni F508del", ha affermato Carmen Bozic, MD, Executive Vicepresident, Global Medicines Development and Medical Affairs, e Chief Medical Officer di Vertex. "Questo traguardo ci consente di poter fornire, a chi ne ha bisogno e lo attendeva, farmaci innovativi per la cura della FC e ci avvicina al nostro obiettivo più grande di fornire opzioni terapeutiche a tutte le persone affette da questa malattia rara e devastante.”

La Fibrosi Cistica

La fibrosi cistica è una malattia genetica rara che colpisce circa 75.000 persone in tutto il mondo, di cui circa 6.000 in Italia, riducendone le aspettative di vita. La FC è una malattia multi-sistema progressiva che colpisce polmoni, fegato, tratto gastrointestinale, naso, ghiandole sudoripare, pancreas e organi riproduttivi. È causata dall’assenza o dall’alterato funzionamento della proteina CFTR, a causa di alcune mutazioni del gene CFTR. Perché si sviluppi, è necessario ereditare due alleli del gene CFTR difettosi - uno da ciascun genitore. Sebbene ci siano diversi tipi di mutazioni del gene CFTR che possono causare la malattia, la stragrande maggioranza delle persone colpite da fibrosi cistica ha almeno una mutazione F508del. Queste mutazioni, che possono essere rilevate attraverso un test genetico, o test di genotipizzazione, causano la F.C. poiché, a livello della superficie cellulare, creano proteine CFTR non funzionanti e/o numericamente ridotte. La funzione difettosa e/o l'assenza della proteina CFTR provoca uno scarso flusso di sale e acqua dentro e fuori le cellule in alcuni organi. Nei polmoni, questo meccanismo porta all'accumulo di muco appiccicoso e viscoso che può causare infezioni polmonari croniche e danni polmonari progressivi in molti pazienti fino a provocarne la morte. L’età mediana di decesso è 30 anni.

Loading...
Commenti
    Tags:
    fibrosi cisticachmpkaftriovertex
    Loading...
    in evidenza
    Silvio Berlusconi senatore a vita? No, "seratone a vita". Lo striscione

    Costume

    Silvio Berlusconi senatore a vita?
    No, "seratone a vita". Lo striscione

    i più visti
    in vetrina
    BELEN IN BARCA: LATO B, SENO ESPLOSIVO, OMBELICO SEXY... LE FOTO

    BELEN IN BARCA: LATO B, SENO ESPLOSIVO, OMBELICO SEXY... LE FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Renault: la tecnologia ibrida e-tech in Italia con Clio, Captur e Megane

    Renault: la tecnologia ibrida e-tech in Italia con Clio, Captur e Megane


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.