A- A+
Medicina
Idrossiclorochina, la lettera aperta di 120 ricercatori a Lancet

Oltre 120 ricercatori, dalle università di tutto il mondo da Oxford ad Harvard, hanno messo in discussione lo studio della nota rivista scientifica The Lancet sull'uso dell’idrossiclorochina da parte dell’Oms. Studio in seguito al quale la somministrazione del farmaco è stata sospesa. Gli accademici hanno indirizzato una lettera aperta al direttore di Lancet, chiedendo spiegazioni in merito alla tesi del legame tra farmaco e complicazioni cardiache: secondo la pubblicazione i pazienti Covid-19 trattati con idrossiclorochina andrebbero incontro a tassi di mortalità più elevati per complicazioni cardiache dovute al farmaco. 

La comunità scientifica ha raccolto in 10 punti tutte le critiche sollevate. Al primo punto: "Preoccupazioni sull’analisi statistica e sull’integrità dei dati". I dati provenienti dall’Australia non risultano compatibili con i rapporti elaborati dal governo. Surgisphere, la società di raccolta dati, ha dichiarato che si è trattato di un errore di classificazione di un ospedale dell’Asia. E ciò indica la necessità di estendere un ulteriore controllo degli errori a tutto il database. Poi ancora, le dosi medie giornaliere di idrossiclorochina somministrata sono di 100 mg superiori a quelle raccomandate dalla Fda, ma questo dato è “impossibile” dal momento che il 66% dei dati provengono da ospedali nordamericani. A questo si aggiunge che i dati provenienti dall’Africa sembrano improbabili. I dati dei pazienti sono stati ottenuti attraverso cartelle cliniche elettroniche e sono detenuti dalla società statunitense Surgisphere. In risposta a una richiesta di dati, il professor Mehra ha dichiarato: "I nostri accordi di condivisione dei dati con i vari governi, paesi e ospedali non ci permettono purtroppo di condividerli"

Data l'enorme importanza e l'influenza di questi risultati, continua la lettera, crediamo doveroso che:

1. La società Surgisphere fornisca dettagli sulla provenienza dei dati. Come minimo, ciò significa condividere i dati del paziente a livello ospedaliero;

2. La convalida indipendente dell'analisi sia eseguita da un gruppo convocato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, o da almeno un'altra istituzione indipendente e rispettata. Ciò comporterebbe ulteriori analisi (ad esempio, determinare se vi è un effetto-dose) per valutare l'attendibilità delle conclusioni;

3. Vi sia libero accesso a tutti gli accordi di condivisione dei dati citati sopra per garantire che, in ogni giurisdizione, tutti i dati estratti siano stati raccolti legalmente ed eticamente e nel rispetto degli aspetti relativi alla privacy dei pazienti.

Chiude la lettera una richiesta formale: “Nell’interesse della trasparenza, chiediamo a The Lancet di rendere disponibili le valutazioni (peer review) che hanno portato all’accettazione di questo manoscritto per la pubblicazione”.

CLICCA QUI E LEGGI LA LETTERA DEI RICERCATORI

https://www.affaritaliani.it/static/upl2020/open/open-letter-the-statistical-analysis-and-data-integrity-of-mehra-et-al_final.pdf

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    idrossiclorochinalettera apertalancetricercatori
    Loading...
    in evidenza
    Gregoraci, balli proibiti in Casa Gabriel Garko fa coming out

    GRANDE FRATELLO VIP 5 NEWS. NOMINATION CLAMOROSE

    Gregoraci, balli proibiti in Casa
    Gabriel Garko fa coming out

    i più visti
    in vetrina
    RITA RUSIC SENZA REGGISENO SOTTO LA GIACCA. Selfie da infarto. Foto delle Vip

    RITA RUSIC SENZA REGGISENO SOTTO LA GIACCA. Selfie da infarto. Foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Ford ST, il graffio di Ford arriva anche in Europa

    Nuova Ford ST, il graffio di Ford arriva anche in Europa


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.