A- A+
Medicina
Istruzione: chi ha studiato vive di più di chi non l’ha fatto

Istruzione: una ricerca dell'Atlante italiano delle disuguaglianze di mortalità per livello d'istruzione conferma che chi ha un titolo di studio superiore vive di più di chi non ce l'ha - Salute e benessere

E' un fatto che un un elevato livello di istruzione migliori la qualità della vita, non solo per quanto riguarda la ricerca di un lavoro ma anche dal punto di vista personale. Studiare fa bene ma stando ad una ricerca presentata a Roma dall'l’Atlante italiano delle disuguaglianze di mortalità per livello d'istruzione e realizzata dall’Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e il contrasto delle malattie della povertà (Inmp), in collaborazione con l’Istat, può aiutare non solo a vivere meglio anche anche di più.

Istruzione - chi ha studiato meno in media vive tre anni in meno di chi ha un titolo di studio medio-alto - Salute e benessere

Stando al rapporto chi ha un basso titolo di studio ha una probabilità di morte più alta del 35% tra gli uomini e del 24% delle donne. "La quota di mortalità attribuibile alle condizioni socio-economiche e di vita associate al basso titolo di studio è pari al 18% tra gli uomini e al 13% tra le donne – osservano gli esperti – Nel Paese ci sono aree in cui la mortalità è più elevata rispetto alla media nazionale fino al 26% tra gli uomini e al 30% tra le donne, a parità di distribuzione per età e per titolo di studio”. La speranza di vita in tutte le Regioni si abbassa quindi in media di 3 anni.

Istruzione: l'aspettativa di vita per coloro che hanno un basso titolo di studio è più bassa al Sud - Salute e benessere

La tendenza rilevata dall'Atlante è comune a tutt'Italia ma sembra che nel Sud Italia sia più rilevante. "Le regioni del Mezzogiorno sono quelle che mostrano il rischio più elevato di mortalità in generale e per molte cause di morte". Nel Sud ed in particolare in Campania, inoltre, "i residenti perdono un ulteriore anno di speranza di vita, indipendentemente dal livello di istruzione".

Istruzione: differenze da Nord a Sud anche per le cause di decesso - Salute e benessere

Lo studio ha inoltre messo in evidenza come le cause principali di morte differiscano da Nord a Sud. L'incidenza di amalttie cardiovascolari è più elevata nel Mezzogiorno indipendentemente dal livello di istruzione mentre il numero di casi di tumore cresce risalendo la Penisola. "Di particolare interesse l'inedita osservazione di un gradiente Est-Ovest con maggiore mortalità nel Nord-Ovest e sulla costa tirrenica per molte cause, soprattutto malattie cerebrovascolari e tumori nel loro insieme", si legge nel report.

Istruzione: servono interventi per eliminare le diseguglianze - Salute e benessere

L'obiettivo di questo studio, sottolineano gli esperti, è quello di intervenire al più presto per eliminare queste differenze attraverso "politiche attive sulle disuguaglianze di salute" che "possono determinare risparmi per il sistema nel suo complesso, per le ricadute sul fabbisogno assistenziale e sulla produttività, senza contare l'impatto positivo sui carichi di sofferenza delle persone più fragili".

Commenti
    Tags:
    istruzionestudiareatlantequalità della vitasalute e benessereinmpaspettativa di vita
    in evidenza
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    Esportazioni

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    i più visti
    in vetrina
    Hannibal mette a fuoco l'Italia Meteo, temperature fino a 35°

    Hannibal mette a fuoco l'Italia
    Meteo, temperature fino a 35°


    casa, immobiliare
    motori
    Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

    Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.