(Adnkronos Salute) - "Sono successe tante cose da allora - prosegue Paglia - il contesto epidemiologico è cambiato tante volte, abbiamo dovuto adattarci, imparare a cambiare pelle. E' la terza volta che riorganizziamo l'assetto degli ospedali. Passiamo da un'emergenza all'altra e continuiamo a lavorare così". Dopo i primi mesi drammatici, è arrivata l'estate carica di speranze. "E' stato difficile francamente quando è partita la seconda ondata di Covid. C'era il retropensiero che non tornasse più dopo la rassicurante bella stagione. Ma non ci siamo mai disarmati. Lodi era diventato un ospedale Covid free, avevamo festeggiato il traguardo, ma in pronto soccorso arrivava occasionalmente qualche malato positivo che trasferivamo nei reparti ancora attivi. Mai più abbiamo tolto i Dpi, neanche per un solo giorno". Il pensiero di Paglia va alle prime settimane buie, "all'inconsapevolezza che c'era. Ci abbiamo perso mesi nel dibattito 'mascherina sì o no'. Ci sono state una serie di fasi confuse". Ora si chiedono tutti: c'era o no un piano pandemico aggiornato a cui fare riferimento? Paglia si ferma, ci pensa su: "La sensazione, fuori dai denti, è che l'ultimo piano adeguato, strutturato, forte, fosse stato quello per Ebola. Che quella minaccia che poi non si è concretizzata, l'avevamo presa sul serio. Si erano fatti incontri per formare sulla vestizione e la svestizione dai Dpi, momenti critici a maggior rischio contagio. Si parlava di percorsi, di allerta, e la temuta epidemia non è arrivata"."Stavolta, invece, all'inizio nessuno ha preso sul serio questa emergenza - dice Paglia - Arrivavano dati confondenti su una mortalità poco superiore all'influenza dalla Cina, non si spiegava il perché di questo allarme. Il sospetto che fosse più grave lo abbiamo avuto vedendo le immagini di un ospedale tirato su in dieci giorni". Ma "non abbiamo fatto in tempo a realizzare e il virus lo avevamo in casa. A marzo dalle nostre parti le idee erano diventate chiare da subito. Anzi, avendo pochissimi tamponi il quadro che ci eravamo fatti era peggiore. Non avevamo idea che quei casi gravi erano una percentuale minima del totale. E' stato inquietante. Pensavamo a una mortalità altissima".

in evidenza
Un bel cappio per il collo Ecco i primi aiuti dello stato

Covid vissuto con ironia

Un bel cappio per il collo
Ecco i primi aiuti dello stato

in vetrina
Dayane Mello e Mario Balotelli, ritorno di fiamma: "Pare abbiano..."

Dayane Mello e Mario Balotelli, ritorno di fiamma: "Pare abbiano..."

motori
Skoda Kodiaq, arriva il restyling

Skoda Kodiaq, arriva il restyling

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
AstraZeneca, stop definitivo in Danimarca
Si infiamma lo scontro sul Copasir. Arrivano le dimissioni di Vito (FI)
Separazione e conto corrente cointestato: come gestire i risparmi rimanenti
Di Rebecca Sinatra *


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.