A- A+
Politica
"A Salvini non interessa il Cdx". In FdI cresce la fronda anti-Lega

Cresce la rabbia all'interno di Fratelli d'Italia. La ciliegina sulla torta, o la buccia di banana, è la scelta di Francesco Storace di lasciare Giorgia Meloni per Matteo Salvini. Nessun rancore nei confronti del giornalista de Il Tempo ed ex ministro e presidente della Regione Lazio ("Storace è un amico e di lui non parlo, se vuole mi faccia altre domande", ha detto ad Affaritaliani.it il senatore Ignazio La Russa, anche lui ex An), che "giustamente" fa le sue scelte condivisibili o meno, ma l'ira dei meloniani è crescente nei confronti del resto del Centrodestra e soprattutto verso la Lega di Matteo Salvini.

Finora FdI ha cercato di avere un atteggiamento da opposizione patriottica e sempre costruttiva, attaccando le idee e i provvedimenti targati Pd e M5S, appoggiando quelli del Carroccio e di Forza Italia (un po' come accadde durante il governo Conte I). Ma ora basta. Dai territori, dai militanti, cresce la richiesta per un'opposizione più intransigente che non faccia sconti nemmeno ai presunti alleati. L'unità del Centrodestra è sempre stato il bene primario da preservare per la Meloni, ma "a tutto c'è un limite. Salvini ormai si muove come se la coalizione non esistesse. Ora basta. Siamo leali, non stupidi", ragiona un deputato di FdI a microfono spento.

FdI avrebbe voluto chiudere subito le candidature per le Comunali dell'autunno, anche per evitare il balletto delle ultime Regioni con il Fitto sì, Fitto e Caldoro sì, Caldoro no che poi ha contributo alla sconfitta elettorale. Ma Lega e Forza Italia non intendono nemmeno fissare il tavolo per le Amministrative e Salvini a domanda risponde "vedremo". Per non parlare poi dell'azione di governo.

Il Centrodestra - fanno notare in casa Fratelli d'Italia - contestava all'esecutivo Conte i ritardi negli indennizzi, e con Draghi e la Lega al governo, tanto per fare un esempio, i soldi per la montagna arrivano quasi due mesi dopo il clamoroso stop imposto "dall'alleato di Salvini Speranza" in Zona Cesarini. Quanto alle restrizioni, i leghisti accusavano i giallo-rossi di chiudere tutto indiscriminatamente, mentre con Draghi - spiegano sempre da FdI - siamo andati anche oltre con la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado in zona rossa e la serranda abbassata per i parrucchieri.

Per non parlare del tema principe (almeno in passato) della Lega e di Salvini, ovvero la lotta all'immigrazione clandestina. Non una parola sugli sbarchi che continuano indiscriminatamente e il Carroccio che non dice una parola sulla ministra dell'Interno Luciana Lamorgese, la stessa che contestava durante con il governo giallo-rosso di Conte. Incongruenze, dimenticanze, ripensamenti inaspettati...tutta una serie di fattori che stanno facendo esplodere in FdI la rabbia con la crescente richiesta al gruppo dirigente e alla Meloni di passare all'attacco diretto della Lega e in parte anche di Forza Italia. E le Amministrative? "Tanto il Centrodestra a Salvini non interessa...".

Commenti
    Tags:
    fdi legagiorgia meloni matteo salvinimeloni salvinigiorgia melonimatteo salvinicentrodestra
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Il vaccino preferito dagli italiani? Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    Covid vissuto con ironia

    Il vaccino preferito dagli italiani?
    Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    i più visti
    in vetrina
    Elisabetta Canalis, zip della tuta giù: scollatura da infarto. Maddalena Corvaglia senza reggiseno

    Elisabetta Canalis, zip della tuta giù: scollatura da infarto. Maddalena Corvaglia senza reggiseno


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati

    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.