A- A+
Politica
Anastasio: "Mussolini? Una provocazione. Ma mi hanno appeso a testa in giù"

Anastasio: "Ho preferito ammettere e non dire che mi hanno hackerato"

Continua a far discutere il caso di Claudio Anastasio, il manager della pubblica amministrazione scelto dalla premier Meloni costretto a dimettersi per la citazione in una mail ai consiglieri del discorso di Mussolini sulla rivendicazione dell'omicidio Matteotti. A parlare adesso è il diretto interessato e svela alcuni dettagli di quella delicata questione. "Potevo giustificarmi, dire di essere stato hackerato come hanno fatto altri esponenti politici prima di me (non è vero, proteggo i miei account di posta elettronica come volevo proteggere le connessioni di tutti i cittadini). (...) Invece - dice Anastasio e lo riporta Repubblica - mi sono assunto le mie responsabilità e mi sono dimesso all’istante». Claudio Anastasio, il presidente della società pubblica 3-I che ha lasciato il suo incarico dopo l’incredibile mail, affida a un messaggio scritto la sua personalissima versione dei fatti.

Riconosce «l’errore gravissimo, ingiustificabile», chiede «scusa agli italiani e al governo per essere stato artefice di una comunicazione così riservata, se pur in senso provocatorio, per stimolare una migliore riflessione su una gara di Inps da 1 miliardo di euro». E poi minimizza con un altro riferimento a Mussolini, stavolta indiretto, quando parla di "scivolata di contesto storico e politico, pensando che la “provocazione” e citazione tanto di uno quanto di altri non fosse foriera di essere così appeso a testa in giù sui social perché fa tendenza e like".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
claudio anastasio





in evidenza
Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

La coppia più famosa del giornalismo

Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.