A- A+
Politica
Tajani: "Per ora nessun invio di armi italiane all'Ucraina". Intervista
Antonio Tajani

L'intervista di Affaritaliani.it al vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani 

"Me lo auguro. Tutto dipende da quello che farà la Russia, non mi sembra al momento molto intenzionata ad arrivare alla pace ma speriamo che alla fine rinsavisca. Noi lavoriamo tutti per la pace". Con queste parole il ministro degli Esteri Antonio Tajani risponde alla domanda di Affaritaliani.it se ritiene che nel 2023 si possa arrivare alla pace tra Mosca e Kiev. Il titolare della Farnesina aggiunge: "Non c'è pace senza giustizia. La pace non vuol dire resa dell'Ucraina".

A fine agosto a La Piazza di Affaritaliani.it a Ceglie Messapica Tajani affermò che non abbiamo più armi da inviare all'Ucraina, ma il governo ha appena rifinanziato gli aiuti militari a Kiev per tutto il 2023. Una contraddizione? "Daremo tutti gli aiuti che possiamo fornire al governo di Kiev. Abbiamo dato 51 tonnellate di materiale elettrico, convertitori e trasformatori. Ma al momento non è prevista alcuna partenza di altre armi italiane all'Ucraina, anche se il Parlamento ha prorogato la possibilità di inviare armi fino alla fine del 2023". Mario Draghi segretario generale della Nato? "Non ne abbiamo ancora parlato, è troppo presto. Vedremo a fine anno. Draghi ha le competenze per ricoprire qualsiasi ruolo. Ma nessuna decisione è stata presa e nemmeno ne abbiamo parlato".

Passando alla Legge di Bilancio, ora all'esame della Camera, il vicepresidente del Consiglio e numero due di Forza Italia afferma: "Certo che in Parlamento la manovra può essere migliorata. Già è stato fatto un intervento sulle pensioni minime, chiediamo altri 20 euro per portarle a 600 euro. Chiediamo anche un incremento del numero delle persone che possono essere assunte da aziende beneficiando della decontribuzione. E per quanto riguarda il Superbonus stiamo andando nella giusta direzione ma chiediamo di prorogare i termini fino al 31 dicembre".

Il dialogo tra la premier Giorgia Meloni e il leader di Azione Carlo Calenda preoccupa Forza Italia? "Calenda sta all'opposizione, non siamo mai preoccupati. Andiamo avanti sereni per la nostra strada. Questo è il solito vecchio ritornello della campagna elettorale. Avevamo ragione noi prima del 25 settembre e avremo ragione noi anche questa volta", conclude il vicepremier e ministro degli Esteri Tajani.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
antonio tajanigoverno tajaniguerra tajanitajani calendatajani manovra





in evidenza
Gelo e neve per tutto marzo (e oltre), primavera "pazza"

Inverno continuo

Gelo e neve per tutto marzo (e oltre), primavera "pazza"


in vetrina
Barbara D'Urso più vicina alla Rai: pronta la fascia del sabato pomeriggio

Barbara D'Urso più vicina alla Rai: pronta la fascia del sabato pomeriggio


motori
Opel TRIXX: il concept che ha rivoluzionato il design delle Auto

Opel TRIXX: il concept che ha rivoluzionato il design delle Auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.