A- A+
Politica
Dai rave agli ultras. Stadi: Giorgia Meloni segua il modello Margaret Thatcher
Margaret Thatcher (Lapresse)

Stadi di calcio: all'Italia serve una svolta, sul modello della riforma inglese

 

Le recentissime polemiche sugli ultras dell’Inter riportano alla luce un tema lungamente rimosso dal dibattito pubblico: la pericolosa situazione delle curve degli stadi italiani, autentiche zone franche dove tutto è permesso. E, spesso, questi gruppi sempre più organizzati non conoscono limiti nemmeno fuori dagli stadi, visto che gestiscono parcheggi, biglietti e altre attività che procurano carriolate di soldi. 

Non è certo una questione solo milanese, ma questo lo sappiamo da almeno quarant’anni. Risale infatti a metà anni Ottanta la riforma anti-hooligans che ha espulso il teppismo dagli stadi in Inghilterra, dove il problema non era meno sentito che da noi, anzi. Dopo le stragi dell’Heysel nel 1985 (Juventus-Liverpool) e di Hillsborough nel 1989 (Liverpool-Nottingham Forest), l’allora Premier Margaret Thatcher diede un giro di vite, affidando alla commissione presieduta dal giudice Peter Taylor la realizzazione di un rapporto nel quale venivano messe in luce le cause del disastro di Hillsbrough e, di conseguenza, la faccia sporca di un movimento sportivo impareggiabile per fascino, tradizione e carica agonistica. 

Con la determinazione tipica della “Lady di ferro”, Downing Street ha gradualmente ridisegnato lo scenario del calcio d’oltremanica: addio alle mitiche “terrace” dalle quali seguire la partita in piedi e carichi di birra, alcolici banditi anche nelle vicinanze dello stadio, telecamere a circuito chiuso, steward pagati dai club per garantire la sicurezza e seggiolini numerati in ogni ordine di posto. Hooligans in pratica sfrattati dal territorio che si erano conquistati nel corso degli anni.

E’ stata una vera e propria rivoluzione culturale, che ha cambiato il rapporto tra gli inglesi e il loro amato football. E’ cambiata la mentalità del tifoso, rieducato a presentarsi allo stadio non più in compagnia di altri facinorosi compagni di scorribande, ma di figli e mogli. Il cosiddetto “modello inglese” ha comunque comportato dei costi, sia in senso letterale (i prezzi dei biglietti si sono impennati, tagliando fuori i ceti meno abbienti), sia per l’innegabile perdita di identità della Premier League, la quale oggi è una realtà ben diversa da quella romantica degli anni che d’oro, della quale si sono innamorati milioni di appassionati di tutto il mondo. Ma il suo effetto è stato nel complesso più che positivo, come viene riconosciuto anche dai laburisti e dai progressisti del resto d’Europa.

Eppure, da quarant’anni a questa parte ci si riempie la bocca del succitato “modello inglese”, ma senza fare assolutamente nulla per imitarlo, nemmeno in parte. Che sia giunto il momento di una svolta? Le precondizioni ci sarebbero tutte. 

Le ultime “rivelazioni” sulle curve di San Siro (ma in città si sa tutto da anni…) fanno seguito a inchieste che hanno riguardato anche altre tifoserie organizzate. Nelle due principali città italiane (Roma e Milano) si stanno progettando stadi nuovi di zecca e sarebbe un delitto non tranciare i rapporti con certi gentiluomini.

Leggi anche:  San Siro e criminalità, Sala: "Ho chiesto a questura di verificare anomalie"

Last but not least, c’è in carica un governo di destra. Quale occasione migliore per segnare una discontinuità rispetto all’inazione del passato? Assumere il modello della Thatcher sarebbe nello stesso tempo utile per il Paese e definitivamente chiarificatorio rispetto a certe ambiguità tra gli ultras e la politica. Inoltre, Giorgia Meloni potrebbe affrancarsi da altri modelli di destra, dall’Argentina di Peron all’Ungheria di Orban, che vengono agitati come spauracchi dai suoi avversari. L’impostazione “law and order” che ha caratterizzato il discusso decreto anti-rave è stata definita da alcuni degna di miglior causa. Questa lo sarebbe senza dubbio.

 

Leggi anche:  Norma anti-rave, subito modifiche. Sisto: "Bisogna evitare le intercettazioni"

Iscriviti alla newsletter
Tags:
giorgia melonimargaret thatcherultras





in evidenza
Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

Guarda le foto

Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.