A- A+
Politica
Dal Pd ok a Panetta a Bankitalia. "Indecente lite sui vertici di Inps-Inail"
La Piazza intervento di Antonio Misiani

Misiani: "Un errore non aver ancora approvato il Mes"

 

"Ha sicuramente tutte le carte in regola per svolgere questo ruolo". Con queste parole il responsabile economico del Partito democratico Antonio Misiani, intervistato da Affaritaliani.it, commenta la quasi certa nomina di Fabio Panetta alla guida di Bankitalia. Per il resto, a partita dalla partita Inps-Inail, molte critiche all'azione del governo Meloni.

L'INTERVISTA

Senatore, partiamo dalle nomine. Fabio Panetta come lo vede alla guida di Bankitalia. 

"Ha sicuramente tutte le carte in regola per svolgere questo ruolo". 

Sull'Inps è in atto uno scontro tra Fratelli d'Italia e la Lega, il Pd avrebbe lasciato Pasquale Tridico?
"Di sicuro non ci saremmo comportati nel modo inaccettabile con cui il governo ha affrontato la questione. Hanno decapitato con procedura d’urgenza i vertici Inps e Inail ma i termini per la nomina dei commissari sono passati da giorni senza alcuna decisione. Per un motivo preciso: i partiti della maggioranza stanno litigando e non hanno ancora trovato una quadra. È una cosa indecente". 

Il governo sostiene che nel decreto sulla Pubblica Amministrazione non ci sia alcun bavaglio alla Corte dei Conti sul Pnrr, ma la prosecuzione di ciò che aveva fatto Mario Draghi. E' davvero così?
"Ma per favore... La verità è che il governo è insofferente verso qualunque tipo di controllo. Anac, Banca d’Italia, Servizio studi del Senato, Procuratore nazionale antimafia e da ultimo la Corte dei conti: tutti coloro che hanno osato muovere qualche critica rispetto alle scelte di questo governo sono stati attaccati e zittiti. Se il problema era riorganizzare i controlli, bastava chiamare i rappresentanti della Corte e costruire insieme a loro le modifiche necessarie. Hanno scelto la via di un emendamento al decreto Pa per lanciare un segnale a tutti. È la vecchia massima di Mao Zedong: colpirne uno per educarne cento". 

Che cosa pensa della delega fiscale? Stiamo andando nella direzione sbagliata? Perché?
"La delega prefigura un fisco ancor più corporativo e iniquo. La flat tax si tradurrebbe in sgravi enormi a favore di chi sta meglio con la sottrazione di decine di miliardi che servono per finanziare la sanità e la scuola. La parte relativa alle imprese contiene scelte molto discutibili e in qualche caso di difficile applicazione. Ci sono misure condivisibili per la semplificazione del sistema ma nel complesso l’impressione è quella di una montagna destinata a partorire un topolino, anche perché la coperta dei conti pubblici è molto corta". 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
antonio misiani





in evidenza
Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso

Il nido d'amore con Boccia (Capogruppo Pd al Senato)

Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.