A- A+
Politica
Venezuelagate, Casaleggio attacca: "Conte sapeva ma non ha parlato"

Casaleggio: "Conte nascose i documenti nel cassetto: si faccia giustizia sul calunnioso caso" 

Ieri sul Blog delle Stelle, dove una volta era ospitato il Movimento di Beppe Grillo, è comparso un video di Davide Casaleggio dall’eloquente titolo “Si faccia giustizia sul calunnioso caso Venezuela. Il video è poi stato anche ripubblicato sul suo profilo Facebook.

Casaleggio si riferisce alle accuse mosse al padre Gianroberto di aver ricevuto dal presidente del Venezuela Hugo Chavez (tramite l’allora ministro degli Esteri Nicolas Maduro che poi sarebbe diventato a sua volta presidente) una valigetta diplomatica contenente tre milioni e mezzo di dollari (e non di euro come hanno riportato molti giornali). Per questa vicenda è stato indagato anche il console venezuelano a Milano Gian Carlo Di Martino (ex sindaco di Maracaibo), che avrebbe fatto da corriere, e la procura di Milano aprì una inchiesta.

I soldi avrebbero avuto un fine ideologico e sarebbero serviti ad influenzare il corso politico dei Cinque Stelle e farlo divenire "promotore di un movimento rivoluzionario e anticapitalista di sinistra nella Repubblica italiana", come si legge in un documento secretato dei servizi segreti venezuelani.

I fatti si riferiscono all’aprile 2010, in un periodo in cui il Movimento Cinque Stelle non era però neppure in Parlamento.

La vicenda deflagra molti anni dopo, nel 2020, con la ricostruzione fatta dal quotidiano spagnolo ABC che aveva ricevuto il dossier riservato dei servizi venezuelani e non ha mai avuto un riscontro giudiziario.

Casaleggio jr ha querelato il giornalista spagnolo Marcos Garcìa Rey e lo stesso console venezuelano ha sempre negato di aver conosciuto Gianroberto Casaleggio, mentre l’ambasciata ha dichiarato che allora “il Movimento non era neppure conosciuto in Venezuela”.

Nella vicenda è stato implicato anche l’ex capo dei servizi segreti militari venezuelani Hugo Armando Carvajal conosciuto col suggestivo soprannome di “El Pollo” arrestato nel 2011 poi in Spagna su mandato internazionale da parte degli USA con l’accusa di narcotraffico.

Casaleggio jr nel video dice che c’era qualcuno di molto importante che era a conoscenza del documento prima che giungesse al giornale spagnolo.

Si tratta dell’allora premier Giuseppe Conte a cui fu mostrato –secondo quanto dice il figlio del fondatore del Movimento- dai capi dei servizi segreti italiani ma lui non fece nulla nonostante la gravità delle informazioni riportate e cioè riciclaggio e corruzione di una forza politica.

Inoltre, Conte –continua Casaleggio- non fece nulla anche quando il documento uscì con grandissimo risalto su tutti i giornali italiani o meglio fece finta di non saperne niente.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    contedavide casaleggiovenezuela





    in evidenza
    Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi

    Annuncio col giallo

    Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi

    
    in vetrina
    Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani

    Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani


    motori
    FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

    FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.