A- A+
Politica
"Donno voleva colpire Calderoli. Lui l'aggressore". Parla il leghista Iezzi
Rissa Parlamento Iezzi

"La verità è che l'onorevole Donno è sceso dal suo scranno con l'intenzione di aggredire il ministro Roberto Calderoli e ci sono voluti venti commissari per fermarlo"

 

"E' stata una seduta caratterizzata da minacce, insulti e aggressioni durate ore da parte di molti parlamentari delle opposizioni". Igor Iezzi, deputato della Lega, ricostruisce con Affaritaliani.it che cosa è accaduto ieri in aula alla Camera con la rissa durante le votazioni sull'autonomia regionale differenziata che ha portato il parlamentare del M5S Leonardo Donno a denunciare un'aggressione. "La verità è che l'onorevole Donno è sceso dal suo scranno con l'intenzione di aggredire il ministro Roberto Calderoli e ci sono voluti venti commissari per fermarlo. Se non ci fossero stati non so davvero come sarebbe andata a finire. L'aggressore quindi è lui. Da quel momento è nato un parapiglia ma io- come si vede benissimo nel video (in fondo all'articolo, ndr)- non l'ho assolutamente colpito. Questa non è una giustificazione ma è acclarato dalle immagini come siano andate le cose. Lui stesso afferma che io l'ho sfiorato e altri deputati lo hanno colpito. Poi - prosegue Iezzi - conoscendo Donno ritengo che sia solo caduto facendo finta di essere stato colpito, una sceneggiata, infatti dopo 15 minuti era tornato lì in Aula al suo posto".

"So perfettamente che siamo in una fase in cui i media in generale attaccano sempre i leghisti, ma voglio sottolineare che l'onorevole del Pd Nico Stumpo è stato espulso per aver preso una sedia e averla lanciata sui banchi della maggioranza. Questo era il clima in Aula. Non è una giustificazione per il parapiglia, ma quando Donno ha tentato di colpire Calderoli è stato espulso e quindi, ripeto, l'aggressore è lui. Al secondo 35 del video si vede benissimo che quando si accascia a terra io sono distante almeno dieci metri da lui, poi se qualcun altro lo ha colpito questo non lo so. Ma, ribadisco, conoscendolo ha fatto una bella sceneggiata. Questi sono i fatti", conclude il deputato della Lega.

IL VIDEO CON QUANTO ACCADUTO IN AULA A MONTECITORIO






in evidenza
Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso

Boutique eleganti, collaborazioni costose e... L'analisi

Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso


in vetrina
Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore

Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore


motori
CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.