A- A+
Politica
Fratin nel mirino del Foglio di Ferrara: dietro gli sfottò la sfida energetica

Gilberto Pichetto Fratin e le fauci di Giuliano Ferrara: il caso dell'articolo ironico pubblicato da Il Foglio

Qualche giorno fa è uscito un articolo corrosivo su Il Foglio che descriveva la figura del nuovo ministro dell’Ambiente (si fa prima a chiamarlo così) Gilberto Pichetto Fratin. Già dal titolo e dal sottotitolo si può intuire il contenuto: “Pichettinelli. Ritratto del tenero pasticcione Gilberto Pichetto, il ministro erede di Cingolani”. “Ministro della Sicurezza energetica quasi per errore, l'infanzia difficile, le gaffe, i sorrisi di Silvio Berlusconi e le sue tre oche. Ascesa di un ministro nel mirino”.

La pseudocrasi “Pichettinelli” è con Toninelli, ex ministro delle Infrastrutture noto per aver parlato di un fantomatico tunnel del Brennero che non esiste ancora e quindi divenuto simbolo per Il Foglio di una certa gestione approssimativa e poco affidabile della cosa pubblica. Quello pubblicato pare uno di quegli articoli in cui più che la manina del direttore Claudio Cerasa si intravvede -neppure tanto in filigrana- la manona di Giuliano Ferrara.

Suo l’astio iconoclasta e suo il sadismo di avventarsi sulla preda indifesa, che questa volta è, chissà perché, il ministro che deve gestire la fetta più cospicua del PNRR. Un fiume di soldi che -oltretutto- dopo la tragedia di Ischia può tornare molto comodo per l’Italia. L’articolo è un mosaico di sfottò ironici giocando sulla (supposta) timidezza del ministro e sul suo nome e cognome doppio e complesso. Si parla di Fratin come “ministro dell’Ambiente quasi per errore” e si descrive la sua “infanzia difficile, i sorrisi, le gaffe”, dipingendolo come una specie di orsacchiotto tenero e pasticcione.

Giulianone è solo il fondatore de Il Foglio e non ha più cariche dirette ma la sua animona aleggia pesante anch’essa nello studio che fu suo ed ora è abitato da “er Ciliegia”, come simpaticamente chiamano a Roma il direttore Cerasa. Ferrara, ricordiamolo, fu ministro di Berlusconi e uomo pagato dalla Cia, come lui stesso orgogliosamente ammise.

Sua fu la responsabilità etica dell’importazione dei talk show di stile trash -si ricordano Linea rovente e il Testimone- direttamente dagli Usa, prima in Rai e poi in Mediaset. Fu lui che segnò il momento di passaggio antropocatodico dalla Televisione seria a quella della “Tv spazzatura”, come lui stesso la definì ironicamente. Dunque questo “mostrar di fauci” con cui Il Foglio ha voluto omaggiare l’incolpevole Fratin deve avere un fine, uno scopo. E qui facciamo una ipotesi che ha dietro il ricchissimo piatto –come detto- del PNRR. Ce ne siamo occupati qui (leggi l'articolo) il 30% circa delle risorse -pari a 57 miliardi di euro- transiteranno dal dicastero di via Cristoforo Colombo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fogliogiulianopichetto fratin





in evidenza
Prime lancia lo spin-off di Lol "Angioni futuro della comicità"

L'intervista ai tre giudici

Prime lancia lo spin-off di Lol
"Angioni futuro della comicità"


in vetrina
Gioseppo Woman lancia la nuova adv: lo spot con la bellissima Elsa Pataky

Gioseppo Woman lancia la nuova adv: lo spot con la bellissima Elsa Pataky


motori
Mercedes- Benz, bene il 2023 grazie a “lusso” e attenzione ai costi

Mercedes- Benz, bene il 2023 grazie a “lusso” e attenzione ai costi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.