A- A+
Politica
Governo, Draghi cade. Elezioni politiche anticipate a settembre. Esclusivo
Mario Draghi (fonte Lapresse )

Pd e Forza Italia: dritti al voto se i 5 Stelle lasciano il governo


Ultimissima dalla calda, torrida, Roma della politica. A Palazzo Chigi è forte l'"irritazione" con il Movimento 5 Stelle. Nella giornata di ieri, quando il presidente del Consiglio Mario Draghi era impegnato a Canazei per seguire da vicino la tragedia della Marmolada, i pontieri hanno lavorato per cercare di trovare un'intesa tra il governo e i pentastellati, in vista dell'incontro di domani tra il premier e Giuseppe Conte. Ma al momento è "ancora tutto in alto mare". In sostanza, i 5 Stelle continuano a porre veti e a sollevare distinguo, sia sul reddito di cittadinanza, sia sul termovalorizzatore di Roma, sia sul Superbonus 110%, sia sulle armi all'Ucraina.

Insomma, l'impressione di Palazzo Chigi è che Conte e la dirigenza del Movimento abbiano ormai deciso di staccare la spina, di lasciare il governo e la maggioranza (l'ipotesi di appoggio esterno di cui si era parlato settimana scorsa, spiegano fonti qualificate, semplicemente "non esiste"). La situazione è tesissima. Partito Democratico e Forza Italia hanno già chiarito in modo ufficiale e ufficioso attraverso ogni tipo di canale che se il M5S esce si va dritti alle elezioni politiche anticipate.

L'indiscrezione, forte, che arriva oggi dalla presidenza del Consiglio è che anche Draghi non ha alcuna intenzione di andare avanti senza i pentastellati. Il ragionamento è semplice: questo è un esecutivo di unità nazionale, nato prima per gestire la pandemia e poi le conseguenze della guerra in Ucraina, e il premier non vuole e non può assolutamente tollerare un secondo partito all'opposizione, oltre a Fratelli d'Italia che fin dall'inizio non ha voluto entrare nella maggioranza nata per "salvare l'Italia". Sarebbe un continuo cannoneggiamento da destra e da sinistra, il tutto considerando che la Lega di Matteo Salvini - come ha spiegato ieri persino il governativo ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti - continuerà "a far sentire la sua voce".

Il premier correrebbe il rischio di restare alla guida di un governo che ha l'appoggio incondizionato solo di metà Parlamento. Non solo. Una situazione di questo tipo sarebbe del tutto inaccettabile anche per il Pd e Forza Italia che rischierebbero il logoramento mediatico a pochi mesi dalle elezioni. Ecco perché più fonti confermano questa mattina ad Affaritaliani.it che nei Palazzi romani del potere il voto anticipato a fine settembre viene dato in forte ascesa e "molto probabile". Se la spina va staccata, va fatto subito in modo tale che le nuove Camere e il nuovo esecutivo abbiano il tempo di scrivere e varare la Legge di Bilancio per il 2023.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    crisi governo draghi conteelezioni anticipateelezioni politiche anticipate settembregoverno cade





    in evidenza
    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

    Le foto

    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
    Matrimonio in vista? Quell'anello...

    
    in vetrina
    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


    motori
    Tavares CEO Stellantis, conferma la produzione della Fiat Panda fino al 2030

    Tavares CEO Stellantis, conferma la produzione della Fiat Panda fino al 2030

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.