A- A+
Politica
Governo fra slogan e sussidi. Zingaretti e i tre squilli di tromba

Con la prima assemblea web di ieri fra Zingaretti e i segretari dei circoli il Partito democratico ha voluto battere un colpo. Con la parola d’ordine “Ricostruire fiducia” il Pd giura che c’è, deciso a gestire l’emergenza del post Coronavirus per non far precipitare l’Italia nel tunnel di una devastante crisi economica e sociale. C’è, ma comec’è il partito del Zinga nel bagnasciuga dei sondaggi sul 20% (uno zoccolo duro grazie al voto dei “garantiti” quali dipendenti pubblici, pensionati, assistiti di vario genere), inchiodato alle poltrone del potere ma nei fatti partito assente, “né di lotta né di governo”? Zingaretti ci prova: “Siamo la forza che più vuole portare nell’azione di governo chi in questi giorni rialza  la saracinesca, chi riprende a produrre, chi si rimette in moto e ha bisogno di una grande iniezione di fiducia”. Ma già le proteste degli albergatori e dei ristoratori: “Con queste regole aprire vuol dire fallire” sono l’iceberg del disagio ampio e profondo dei piccoli e medi imprenditori, di artigiani e di professionisti di ogni settore che preludono a fallimenti, licenziamenti e disoccupazione, la spia del peggio che incombe. Quando Zingaretti lancia la sfida: “Serve la politica, la grande politica non quella che litiga e si fa gli sgambetti” pare un alieno. La realtà è un’altra: nel Palazzo c’è la sceneggiata parlamentare del 20 maggio sull’affaire Bonafede mentre il Paese reale non sa se e come riparte dopo la botta della pandemia e come far fronte a una eventuale seconda ondata perché il virus circola ancora e può tornare a colpire. Zingaretti ha un bel dire ma a dare il cattivo esempio è proprio la politica, di cui il Pd è perno e volano, che riesce addirittura a dimostrarsi peggiore di prima. Nella maggioranza vige il ricatto del “prendere o lasciare”. O Bonafede resta al suo posto o addio Conte. Questo è stato il refrain, questo è il refrain, questo sarà il refrain. Il bello e cattivo tempo lo fanno i 5Stelle, con il Pd che si atteggia a padre nobile e a gran regista politico ma che nei fatti è un succube gregario. Un partito privo di identità politica che svende la propria dignità per il potere e che neppure prova a dire che il governo si difende meglio dagli attacchi di Salvini e del centrodestra mettendo da parte i ministri che vanno messi da parte o almeno spostare Bonafede in un altro ministero nella logica del promoveatur ut amoveaturcome accadeva ai tempi della Prima Repubblica con i “rimpasti”. Qui siamo. Così ha buon gioco chi soffia sul fuoco del malcontento sociale che c’è, cresce e può degenerare anche per quei provvedimenti del governo che molto promettono e poco e male danno. Così lo stato di logoramento e di deterioramento di Conte e del suo governo si traducono nei sondaggi negativi del 20 e 21 maggio (Termometro Politico). Per la terza settimana consecutiva Conte e il governo calano: il 56,7% ha poca o nessuna fiducia nel premier contro il 42,7% che ancora lo sostiene. Se Conte continua a perdere consenso figurarsi quel che presto può accadere ai partiti di maggioranza. Nel Paese, comunque, tira un’aria per nulla rassicurante  perché né i partiti di maggioranza né i partiti di opposizione hanno uno straccio di idea – figurarsi un progetto  politico di grandi riforme– che vada oltre slogan e sussidi. La politica in stallo non produce solo vuoto ma alimenta il germe del ribellismo. Prima o poi gli italiani diranno quel che pensano. C’è da sperare che ciò avvenga democraticamente, nel segreto dell’urna, non nel caos della piazza. Adesso tocca a Zingaretti e al Pd dare la svolta e lanciare i tre squilli di tromba. Prima che sia troppo tardi.   

Loading...
Commenti
    Tags:
    governo zingaretti
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    In spiaggia soli? E' pericoloso Più sicuri supermercato e banca

    Coronavirus vissuto con ironia

    In spiaggia soli? E' pericoloso
    Più sicuri supermercato e banca

    i più visti
    in vetrina
    Virus, il Governo italiano bravo a chiudere, gli americani bravi a riaprire

    Virus, il Governo italiano bravo a chiudere, gli americani bravi a riaprire


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Intervista a Fabio Wibmer, Brand Ambassador di Mercedes-Benz Vans

    Intervista a Fabio Wibmer, Brand Ambassador di Mercedes-Benz Vans


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.