A- A+
Politica
Governo, il monito di Mattarella: "No all'assolutismo della maggioranza"
Sergio Mattarella

Mattarella, democrazia è non violare diritti minoranze 

"La democrazia non si esaurisce nelle sue norme di funzionamento, ferma restando l'imprescindibilità della definizione e del rispetto delle "regole del gioco". Perché - come ricordava Norberto Bobbio - le condizioni minime della democrazia sono esigenti: generalità e uguaglianza del diritto di voto, la sua libertà, proposte alternative, ruolo insopprimibile delle assemblee elettive e, infine e non da ultimo, limiti alle decisioni della maggioranza, nel senso che non possano violare i diritti delle minoranze e impedire che possano diventare, a loro volta, maggioranze". Lo ha detto il presidente Sergio Mattarella parlando alla settimana Sociale dei Cattolici in Italia. 

Il presidente ha continuano affermando ancora: "Tosato contesto' l'assunto di Rousseau, in base al quale la volonta' generale non poteva trovare limiti di alcun genere nelle leggi, perche' la volonta' popolare poteva cambiare qualunque norma o regola. Lo fece con parole molto nette: 'Noi sappiamo tutti ormai che la presunta volonta' generale non e' in realta' che la volonta' di una maggioranza e che la volonta' di una maggioranza, che si considera come rappresentativa della volonta' di tutto il popolo puo' essere, come spesso si e' dimostrata, piu' ingiusta e piu' oppressiva che non la volonta' di un principe'. Un fermo no, quindi, all'assolutismo di Stato, a un'autorita' senza limite, potenzialmente prevaricatrice. La coscienza dei limiti e' un fattore imprescindibile di leale e irrinunziabile vitalita' democratica". A dirlo, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo intervento alla 50esima Settimana sociale dei Cattolici in Italia in corso a Trieste. 

Zuppi: "Pericolo populismi,possono privarci della democrazia"

"L'Enciclica Fratelli tutti ci offre un orizzonte concreto, possibile, attraente, condiviso. Un unico popolo. Perciò, guardiamo con preoccupazione al pericolo dei populismi che, se non abbiamo memoria del passato, possono privarci della democrazia o indebolirla!". Così il cardinale Matteo Zuppi durante la cerimonia di apertura della Settimana sociale dei cattolici italiani, a Trieste. "La partecipazione, cuore della nostra Costituzione, consente e richiede la fioritura umana dei singoli e della società, accresce il senso di appartenenza, educa ad avere un cuore che batte con gli altri, pur tra le differenze", ha affermato.






in evidenza
Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni

Così è rinato il tennista azzurro

Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.