A- A+
Politica
Governo, slittano le semplificazioni: scontro Pd-5S su appalti e condono

Al termine della giornata di ieri, 1 luglio, il premier si era sfogato sui social: “Sento polemiche e ricostruzioni assurde, ma io sono qui che combatto per realizzare i fatti. Grazie alle semplificazioni e al ‘metodo Genova’ sugli appalti pubblici, noi cambieremo il Paese”.

Ma portare il decreto Semplificazioni, che per Conte è “la madre di tutte le riforme”, all’esame del Consiglio dei ministri entro la settimana, come vorrebbe il premier, sembra ormai impossibile, se non verranno prima sciolti i nodi di contrasto all’interno della maggioranza.

Condono edilizio e modello Genova

Al momento, l’unico “risolto” sembra quello del condono edilizio che, con l’opposizione di Leu, Pd e Italia Viva, sarebbe stato espulso dalla bozza di 48 articoli. Restano però gli scontri su appalti, abuso d’ufficio e danno erariale.

Se ne discuterà oggi 2 luglio a Palazzo Chigi, dopo che ieri, come riporta il Corriere della sera, la maggioranza si è divisa nel pre-consiglio, con i Cinque Stelle e Italia Viva, in linea con Conte, che premevano per accelerare la sburocratizzazione, sul “modello Genova”, con commissari straordinari e un elenco di opere da portare avanti in tempi record, mentre Partito Democratico e Leu si sono mostrati più prudenti.

La lite Orlando-Bonafede

Il capogruppo renziano Davide Faraone non ha usato mezzi termini: “Le volete o no queste semplificazioni? Se siete contro, meglio dirlo subito”, sostenuto dal sottosegretario Giancarlo Cancelleri (M5S) che ha ricordato come sia “urgente sbloccare le opere perché i cittadini ce lo chiedono”. A questo punto, però, l’ex ministro Andrea Orlando, e vicesegretario del Pd, ha ricordato che “non siamo in campagna elettorale”, attirandosi la risposta piccata di Alfonso Bonafede: “Se lo dite voi va bene, se lo diciamo noi è propaganda?”. Orlando, secco, ha replicato: “Per me la riunione può finire qui”.

A quel punto Giuseppe Conte ha cercato di placare gli animi: “Questo decreto è cruciale per la ripartenza, se vogliamo che rimetta in moto i cantieri dobbiamo crederci davvero”. Ma il problema è che forse ormai è il Partito Democratico a non credere più nel Presidente del Consiglio, tanto che qualcuno sembra aver avanzato un’ipotesi: “Presentiamo una risoluzione sul Mes in aula al Senato e vediamo chi ci sta. Se passa, bene, altrimenti si va tutti a casa”.

 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    governocontegiuseppe contepdmovimento cinque stellem5spartito democraticoitalia vivasemplificazionidecreto semplificazioniappalticondoni
    Loading...
    in evidenza
    Via il reggiseno in spiaggia... Le foto dell'ex di Ramazzotti

    Marica Pellegrinelli sensualissima

    Via il reggiseno in spiaggia...
    Le foto dell'ex di Ramazzotti

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo: weekend di Ferragosto con caldo, afa e qualche temporale

    Previsioni meteo: weekend di Ferragosto con caldo, afa e qualche temporale


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Enyaq iV, il primo SUV elettrico di Skoda

    Enyaq iV, il primo SUV elettrico di Skoda


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.