A- A+
Politica
Lega, la Donato lascia e guarda a FdI: "Qui comanda la linea di Giorgetti"

Lega, la no vax Donato: "Lascio il partito. Qui prevale la posizione di Giorgetti e dei governatori" 

L'europarlamentare Francesca Donata lascia il Carroccio. La rottura avviene dopo il via libera da parte del partito di Salvini all'estensione del Green Pass in Consiglio dei ministri. La linea critica nei confronti dei provvedimenti del governo “pur condivisa da larga parte della base è diventa minoritaria: prevale la posizione dei ministri, con Giorgetti, e dei governatori”, ha rivelato l'europarlamentare Donato. “Io non mi trovo più a mio agio e tolgo tutti dall'imbarazzo”, ha annunciato Francesca Donato. 

"Non posso più stare in un partito che sostiene l'esecutivo Draghi", ha dichiarato in un'intervista rilasciata a La Repubblica. Salvini, ha aggiunto, "si trova in una posizione delicata. Rappresenta un partito con diverse anime, ma c'è una prevalenza della linea dei presidenti di Regione e dei ministri, capeggiati da Giorgetti, a favore delle scelte del governo Draghi. Il segretario ha cercato di dare forza a quanti come me giudicano che le decisioni sul Green Pass siano sproporzionate e inadeguate. Salvini ha dovuto mediare, ma a un certo punto si è fermato, non giudico il suo lavoro".

Anche se, almeno all'interno della segretaria, secondo Donato, il leader della Lega, pare essere "caduto in minoranza". Mentre sull'idea di una scissione, l'europarlamentare ha affermato che "non pensate che le voci contrarie alla linea pro-governo, fra gli eletti, siano sono quelle di Borghi, Bagnai o Siri. C'è un forte dissenso interno che, laddove non sarà composto, non potrà che emergere: potrà verificarsi pure una scissione".

Infine, sulle prospettive future, ha affermato: "Lascio la Lega ma resto nel gruppo di Identità e democrazia, ho contatti con altre delegazioni straniere contrarie al Green Pass. Intendo restare indipendente, finché c'è l'emergenza Covid, poi vedremo. Fdi? Va riconosciuto a Giorgia Meloni di aver mostrato coraggio e lungimiranza non entrando al governo...". 

Fedriga: "Non c'è spazio per i no vax. Ma no all'obbligo, convincere"

"Non dobbiamo tradurre anche l'epidemia in una lotta tra bande. Dobbiamo convincere i cittadini a vaccinarsi, ma senza condannare chi ha paura altrimenti rischiamo di schiacciarlo verso la parte no vax. Nel primo partito d'Italia e' normale che ci siano correnti diverse, ma dentro la Lega non c'e' spazio per i no vax". Sono le dichiarazioni a The Breakfast Club, su Radio Capital, di Massimiliano Fedriga, presidente del Fvg e della Conferenza delle Regioni, commentando l'uscita dalla Lega dell'eurodeputata Donato. "Non sono per l'obbligo vaccinale, potrebbe avere l'effetto contrario. Con l'obbligo per i sanitari non abbiamo avuto il 100% dei vaccinati. E' uno strumento semplice, ma il risultato non si raggiunge. Noi non dobbiamo nascondere quello che dicono i no vax, dobbiamo smentirli", ha spiegato Fedriga. Il presidente della Conferenza ha poi definito il Green Pass "una responsabilità anche per il governo, che con questo strumento deve garantire le aperture. A chi usa il Green Pass dobbiamo dire che i lockdown non ci saranno più. Se una regione dovesse diventare arancione o rossa, i locali con il Pass resteranno aperti"

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    green pass donato legagreen pass donato lega giorgettigreen pass estensione lega donato
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Renault e Mathieu Lehanneur presentano il concept-car della mitica R4

    Renault e Mathieu Lehanneur presentano il concept-car della mitica R4


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.