A- A+
Politica
Il ritorno di Gianfranco Fini: "Il Mes sarà ratificato. Autonomia? Vedremo"
Gianfranco Fini

Fini: "Il Mes? Sarà ratificato"

Il Mes "sarà ratificato, non può che essere così, se non va bene nessuno ti obbliga a chiedere quel denaro". Lo ha affermato Gianfranco Fini, ospite di 'In mezz'ora in più' di Lucia Annunziata su Raitre.

L'autonomia differenziata è "la vera grande questione politica che la maggioranza dovrà affrontare nei prossimi mesi" ha aggiunto Fini. "Non è una piccola riforma. È stata prevista, ahimè, da una riforma costituzionale voluta dalla sinistra, è una questione che è sta a cuore alla Lega ma molto trasversale, al Nord questa questione di avere potere è reale", visto che, ha ricordato l'ex leader di An, è stata chiesta anche dall'Emilia Romagna guidata da Stefano Bonaccini, candidato segretario del Pd.

"Per la Lega è una bandiera che non può essere ammainata. La Lega ha fretta e la fretta è cattiva consigliera, la riforma è complicata. Est modus in rebus, se si fa male e in fretta il rischio" di spaccatura del Paese "lo vedo", ha concluso Fini, sottolineando la necessità di rispettare il principio di uguaglianza previsto dall'articolo 3 della Costituzione.

"Dante di destra? Categorie inesistenti nel '300"

Quanto affermato dal ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, su Dante, ha aggiunto Fini, "non l'ho capito, non lo avrei detto", anche perché "è un errore fare quello che fanno negli Stati Uniti con la cancel culture, con i valori di oggi giudichiamo gli eventi di ieri. Nel Trecento non c'erano le categorie di destra e sinistra".

"Nel mio quinquennio nessuno mi ha mai contestato la faziosità nel dirigere la Camera. Nella direzione dei lavori" da parte del presidente del Senato, Ignazio La Russa, "non ho trovato nessuna polemica. Nel momento in cui esce da palazzo Madama e partecipa a delle iniziative di partito, nessuno lo può contestare dal punto di vista della faziosità" ha chiosato Fini.

"Qualche scoglio nella navigazione c'è, le fibrillazioni in un Governo di coalizione sono inevitabili, anche perché siamo alla vigilia di un turno elettorale amministrativo che coinvolge Lazio e Lombardia. È un test politico, Lega e Forza Italia hanno bisogno di alzare una bandiera, di far vedere ai rispettivi elettori ci siamo. Il tema delle accise era un'occasione da cogliere, poi anche Forza Italia ha capito che impiegare dieci miliardi per mantenere lo sconto che aveva fatto Draghi era un lusso che l'Italia non si poteva permettere Alla fine stanno evaporando anche le effervescenze" ha spiegato Fini. 

Che poi è tornato sulla premier. Citare da parte di Giorgia Meloni la frase "o si fa l'Italia o si muore" è stato "un riferimento per far capire stiamo facendo una gara seria, importante, cerchiamo di fare del nostro meglio" ha concluso l'ex presidente della Camera.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
autonomiagaribaldigianfranco finimeloni





in evidenza
Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

Inverno pieno

Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
FIAT rivoluziona la mobilità con la nuova gamma ispirata alla Panda

FIAT rivoluziona la mobilità con la nuova gamma ispirata alla Panda

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.