A- A+
Politica
La famiglia Borsellino spaccata sulla ricostruzione della morte del giudice

Via D'Amelio, scontro in famiglia sui moventi. Salvatore Borsellino: "Da Trizzino parole sconcertanti su Scarpinato"

Ci son lutti che uniscono le famiglie, altri che le dividono, e che magari riportano alla luce vecchie ferite mai ricucite. Ed è quello che è accaduto per i parenti di Paolo Borsellino, il giudice antimafia assassinato nella strage di via D’Amelio il 19 luglio 1992.

Sulla sua morte si sono scritti libri di storia, celebrati processi, ma non si è mai arrivati a una verità definitiva. Motivo per cui nelle scorse settimane e oggi sono stati ascoltati per ore e ore in Commissione parlamentare antimafia, presieduta dalla meloniana Chiara Colosimo, alcuni membri della famiglia di Paolo Borsellino sulla quale è ufficialmente calata la scure della divisione: da un lato i figli, Fiammetta, Lucia e Manfredi, assistiti dall’avvocato Fabio Trizzino (quest’ultimo ascoltato in Commissione). Dall’altro lato il fratello di Paolo, Salvatore, rappresentato dall’avvocato Fabio Repici. A dividerli? Un’eredità ben più preziosa di denaro o beni materiali, ossia la memoria di quel “qualcosa” che ha determinato la morte del magistrato. Per mano, certamente materiale, della criminalità organizzata. Ma è sull’altra mano, quella coperta che ha in qualche modo collaborato (?) alle stragi del 1992 che si sono formati due schieramenti.

LEGGI ANCHE: Via d'Amelio, Ingroia: "Borsellino perseguitato dalle vipere della Procura"

È stato proprio Salvatore Borsellino, ascoltato per la prima volta oggi in Commissione, a rivelare l’esistenza di “dissapori” all’interno del nucleo familiare: “Se ai figli di Paolo mi lega il terribile dolore per la morte annunciata e l'inopprimibile esigenza di verità, ma da essi mi divide una posizione processuale, delineata nel corso di tanti processi, arrivando purtroppo e con dolore a influire anche sui rapporti personali”. Ma quali sono queste posizioni divergenti? È noto che per il fratello del magistrato, che oggi ha avuto modo di replicare alle affermazioni di Fabio Trizzino, la traccia da seguire per risalire ai moventi dell’assassinio di Borsellino sta negli elementi che il magistrato aveva raccolto sulla “pista nera” dietro alla strage di Capaci, e su quella che è passata alla storia come “Trattativa Stato-Mafia”.

LEGGI ANCHE: Trizzino: "Borsellino voleva far arrestare il suo capo. Scarpinato archiviò"

E per Trizzino e i figli di Paolo Borsellino? La pista per risalire ai moventi delle stragi del 1992 avrebbe l’epicentro nel dossier “Mafia-Appelti”, cioè il dossier del Ros sui legami tra Cosa nostra e forze politico-imprenditoriali. Pista – peraltro – storicamente sostenuta dalla coalizione di Colosimo: per la destra, infatti, l’eliminazione del giudice è da collegare al suo interesse per “mafia e appalti”. In questo contesto il legale spinge sulla necessità di indagare anche sul “nido di vipere” della Procura di Palermo diretta da Pietro Giammanco, e su alcuni colleghi di Borsellino delle prime indagini. Borsellino, per Trizzino, non avrebbe mai permesso e non conosceva la richiesta di archiviazione di "Mafia-Appalti" del 13 luglio 1992, firmata anche da Roberto Scarpinato, oggi parlamentare M5s.

"Ho ascoltato con sconcerto le dichiarazioni fatte in questa sede nei confronti di due magistrati o meglio, un magistrato ed ex magistrato, Di Matteo e Scarpinato, a cui mi sento di dover manifestare pubblicamente la mia stima e la mia gratitudine per avere in questi anni ricercato la verità e la giustizia". "Sono ben altri i magistrati verso i quali bisognerebbe puntare il dito" ha tuonato oggi invece Salvatore Borsellino in Commissione. E ancora: “E’ dal furto dell'agenda rossa "che si dovrebbe ripartire, non dal dossier mafia e appalti che se può essere considerato una concausa non è causa dell'accelerazione di una strage che a quel punto non poteva essere rimandata".

Un'accusa, insomma, rispedita al mittente che - forse - ha un terreno ben più florido del solo avvocato Fabio Trizzino.

AFFARITALIANI PUBBLICA LE AUDIZIONI DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIA IN CUI SONO STATI ASCOLTATI L'AVVOCATO DEI FIGLI DI BORSELLINO E IL FRATELLO SALVATORE

GUARDA L'AUDIZIONE DI SALVATORE BORSELLINO IN COMMISSIONE ANTIMAFIA

GUARDA LA PRIMA AUDIZIONE DELL'AVVOCATO FABIO TRIZZINO IN COMMISSIONE ANTIMAFIA

LEGGI IL PRIMO INTERVENTO DELL'AVVOCATO FABIO TRIZZINO IN COMMISSIONE ANTIMAFIA

GUARDA LA SECONDA AUDIZIONE DELL'AVVOCATO FABIO TRIZZINO IN COMMISSIONE ANTIMAFIA

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Francesca Pascale e Paola Turci divorziano: dopo due anni sciolta l'unione civile

Francesca Pascale e Paola Turci divorziano: dopo due anni sciolta l'unione civile


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.