A- A+
Politica
Libertà di riunione limitata dal Ministero, la fine dello Stato di diritto

Libertà di riunione, un diritto costituzionale limitato dal Governo con una direttiva ministeriale

Mentre ieri è passata a larghissima maggioranza - pochi persino i voti contrari della Lega e nonostante Salvini avesse lasciato libertà di voto - la fiducia anche alla Camera per il green pass, il Ministro degli interni interveniva con una sua direttiva, di cui nessuno ci pare abbia parlato, sulla libertà di riunione.

La libertà di riunione, tutelata e garantita dall’art. 17 della Costituzione, viene così derogata non attraverso una legge ordinaria – strumento già di per sé discutibile visto che le libertà fondamentali godono di riserve di legge assolute o relative a seconda dei casi – ma addirittura  attraverso una semplice direttiva del Ministero dell’Interno, cioè un atto amministrativo che in tempi normali viene di solito adottato per regolare il  comportamento del personale ministeriale o per definire le linee di indirizzo amministrativo di un determinato ministero. Conte ci aveva abituati ai Dpcm, decreti del Presidente del Consiglio dei ministri, Speranza alle ordinanze, ora si passa alle direttive. Tra qualche mese sarà la volta della grida di manzoniana memoria?

Passino i Dpcm – che la Corte costituzionale ha ritenuto legittimi in quanto strumenti attuativi di norme di legge (sic!) -, ma limitare i diritti costituzionali con una direttiva ministeriale ci sembra davvero troppo. Leggiamola. 

La direttiva è la num. 0076293 del 10 novembre 2021 e mira a imporre il pugno di ferro nei confronti delle manifestazioni contro l’obbligo del green pass: “Tali manifestazioni, che sono rappresentative del diritto ad esprimere il dissenso, stanno determinando, tuttavia, elevate criticità sul piano dell’ordine e della sicurezza pubblica, nonché sul libero esercizio di altri diritti, pure garantiti, quali, in particolare, quelli attinenti allo svolgimento delle attività lavorative e alla mobilità dei cittadini, con effetti, peraltro, particolarmente negativi nell’attuale fase di graduale ripresa delle attività sociali ed economiche”.  Chiaro il tentativo di dividere i cittadini “cattivi” che protestano da quelli “bravi” che fanno shopping. Ma andiamo più a fondo.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    green passlegalibertà di riunionemanifestazione green passsalvini
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

    Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.