A- A+
Politica
Meloni al potere, il femminismo di sinistra ha perso. Maalox per Gruber & Co
Sergio Mattarella e Giorgia Meloni

Giorgia Meloni, la prima donna Premier d'Italia che ha raggiunto i vertici dello Stato per "merito"

E alla fine Giorgia Meloni ce l’ha fatta, è il primo Primo ministro donna della storia italiana. Infatti per uno di quei perfidi, rari e meravigliosi scherzi che il destino ama giocare la prima donna premier sarà di destra, ma non di destra liberale per intenderci, ma di destra vera, avendo iniziato la sua attività politica nel Movimento Sociale Italiano (MSI) ai tempi di Giorgio Almirante.

La cosa colpisce visto che dopo 77 anni di Repubblica, di Nilde Iotti, di Tina Anselmi, di Emma Bonino, di Rosy Bindi e compagnia cantando ci si aspettava un premier donna di sinistra ed invece che ti combina quell’impertinente giocherellone del Fato? Si sveglia una mattina, scende a Gran Burrone, parla con gli Elfi e gli Hobbit, ti prende una Éowyn bionda e la fa Regina.

LEGGI ANCHE: Meloni e Chirico, il femminismo visto da destra: una svolta antropologica

Già immaginiamo i profondissimi rodimenti interiori e non che le femministe nostrane, tutte iscritte alla congrega dell'Osteria Rossa, cercheranno di nascondere, ma non è certo cosa facile. Intanto cominciamo dalle politiche. La capessa di ultimo conio si chiama – come noto - Laura Boldrini, una che ha devastato il lessico e la sintassi pur di condurre una stucchevole ed inutilissima parolomachia. Ha storpiato orribilmente l’italiano, con innovazione come "presidentessa", "ingegnera" e similari al solo scopo di provocare e fare carriera politica su meriti che non ha mai posseduto.

I finti maschi alfa del partito, si sono messi paura, e l’hanno assecondata. Il femminismo italiano, infatti, tranne qualche rarissima eccezione, ha sempre amato correre sull'oliata rotaia della ricerca della strada più breve per raggiungere il potere, la strada più comoda, la geodetica più conveniente non avendo come giusta stella polare il merito ma bensì appunto solo il privilegio. Questa sorta di riserva naturale a cui ci si iscrive con la sola richiesta di avere un lezioso fiocchetto rosa tra i capelli ha prodotto i noti disastri di demerito ed incompetenza che hanno scorticato l'Italia.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
giorgia melonigiorgia meloni premierpremier





in evidenza
Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

Guarda le foto

Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.