A- A+
Politica
Draghi alla Nato dietro alle armi a Kiev. Mario aiuterà Meloni in Europa su...

Draghi avrebbe maggiori chance di diventare capo dell'Alleanza atlantica rispetto a presidente del Consiglio europeo al posto di Charles Michel...


Alla fine il decreto ad hoc sull’invio di armi a Kiev è arrivato nel Cdm convocato ieri sera. Un provvedimento divenuto il primo punto all’ordine del giorno della riunione di Palazzo Chigi dopo la rivolta delle opposizioni per il tentativo di inserire la proroga degli aiuti militari in un emendamento al dl su Nato e Sanità in Calabria in Senato. Ora però che il sesto pacchetto di forniture (in arrivo già a gennaio) ha ottenuto la copertura giuridica grazie a una noma dedicata (come ha chiesto e ottenuto il Pd), la premier Giorgia Meloni ha l’opportunità di guadagnarci. Portando il testo in Parlamento, infatti, obbligherà gli alleati di governo a votarlo in modo da dissipare ogni dubbio sulla compattezza della sua squadra in merito al posizionamento atlantico ed europeista del Paese. Non a caso ieri sera Palazzo Chigi ha voluto far sapere che il decreto è stato votato "all’unanimità" dai ministri, anche se Matteo Salvini era presente in video conferenza.

Balza all'occhio il via libera incondizionato del segretario della Lega, visto che proprio Salvini lo scorso 16 maggio - quindi sei mesi e mezzo fa e non un secolo fa - dopo un incontro di un'ora con l'ex presidente del Consiglio Mario Draghi a Palazzo Chigi dichiarava ai giornalisti: "Ho parlato di cessate il fuoco e di disarmo, dunque questi passano da uno stop di invio di armi, perché parlare di disarmo inviando armi...". Una giravolta di 360 gradi quella del vicepremier e ministro delle Infrastrutture che, nel Carroccio, spiegano così: "Meloni comanda. Fratelli d'Italia ha il triplo dei nostri voti e se in Legge di Bilancio vogliamo portare a casa l'innalzamento del tetto per la flat tax per gli autonomi e Quota 103, oltre ad altri provvedimenti, non possiamo certo metterci di traverso".

Ma c'è anche un'altra spiegazione dell'ok "all'unanimità" all'invio di altre armi a Kiev che tanto fa arrabbiare il leader M5S Giuseppe Conte.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
europa meloni legge bilanciomeloni draghi armi ucraina





in evidenza
Dal “quanto mi armi” di Zelensky a Salvini come Geolier: i meme più divertenti

Affari va in rete

Dal “quanto mi armi” di Zelensky a Salvini come Geolier: i meme più divertenti


in vetrina
Torna il gelo (dalla Russia) con neve fino in pianura

Torna il gelo (dalla Russia) con neve fino in pianura


motori
Opel Corsa Hybrid: un nuovo passo verso l’elettrificazione

Opel Corsa Hybrid: un nuovo passo verso l’elettrificazione

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.