A- A+
Politica
Meloni e Zalone, è nata una coppia: l'alleanza anti-politically correct
Checco Zalone e Giorgia Meloni

Giorgia Meloni allo spettacolo di Checco Zalone 

La politica si può fare in molti modi e uno di questo è con lo spettacolo e la satira intelligente. Ed è forse per questo che qualche giorno fa Giorgia Meloni ha varcato l’entrata di un teatro storico della Capitale, il Brancaccio, per assistere allo spettacolo di Checco Zalone, “Amor + Iva”.

L’entrata è stata preparata con cura per non turbare lo spettacolo stesso e solo dopo un paio di ore dall’inizio il comico pugliese non ce l’ha fatta più ad ha rivelato al pubblico la notizia: "Non mi fate fare figure di m.... che c'è la presidente del consiglio qua che ha preferito il mio spettacolo al karaoke con Macron".

Quando poi lo spettacolo è finito la Meloni ha lasciato il teatro insieme al suo compagno Andrea Giambruno e al sottosegretario alla Cultura, Gianmarco Mazzi. Zalone passa per un comico di destra, il che sarebbe un’eccezione tra le eccezioni, ma lui stesso ha ammesso di aver votato nel 1996 per Berlusconi che perse, poi Renzi che perse pure lui e l’ultima volta il Pd che ha straperso. Meglio che non voti, insomma.

Però non si capisce se il voto al Pd sia riferito alle ultime elezioni o una generica “ultima volta”, fatto sta che della Meloni ha però parlato bene. Dopo la vittoria così commentò: “Mi ha colpito positivamente la sua capacità di comunicazione”.

Tuttavia resta un fatto: la notizia che Zalone abbia votato per il Pd ha deluso il popolo di destra che già pensava di aver trovato un sostituto ufficiale per continuare la tradizione del Bagaglino, l’unica ufficialmente riconosciuta da quelle parti, ma in ogni caso il suo politically incorrect è sempre all’opera e quello è un tratto distintivo, quasi un marchio di fabbrica della destra internazionale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
checco zalonegiorgia meloni





in evidenza
Affari in Rete

Esteri

Affari in Rete


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Miki Biasion prova la nuova Lancia Ypsilon Rally 4 HF

Miki Biasion prova la nuova Lancia Ypsilon Rally 4 HF

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.