A- A+
Politica
Meloni, separazione delle carriere: "Nessuna vendetta, i pm non sono nemici"

Meloni: "I magistrati non sono nemici, nessuna vendetta. La separazione delle carriere andava fatta"

Giorgia Meloni affronta tutti i temi caldi della politica: dalla riforma della giustizia, allo scontro con il governatore della Campania De Luca, fino alle elezioni Europee e alla scelta del prossimo Commissario Ue. "Di che cosa dovrei vendicarmi con i magistrati? Non capisco - dice la premier a Il Corriere della Sera in merito alla riforma della Giustizia appena approvata in Cdm - perché si possa considerare punitiva nei confronti dei pubblici ministeri la separazione delle carriere. Considero bizzarro che possa essere una vendetta, uno si vendica di qualcuno che ha fatto qualcosa di male, si vendica di un nemico. Non considero i magistrati nemici, chiedo a chi ha fatto questa dichiarazione se pensa che chi governa sia un nemico".

Leggi anche: Riforma della giustizia, Pd: "Scontro politica-toghe e cittadini più deboli"

Meloni torna poi su sullo scontro con il presidente De Luca: "Io sono stata insultata, e banalmente mi sono difesa. A sinistra allora nessuno mi difese, adesso si stracciano le vesti. Si dovrebbero vergognare. Persone che hanno due pesi e due misure, che non credono a quello che dicono, che pensano che hanno più diritti degli altri. Mi dispiace che Schlein abbia perso un'altra occasione per dimostrare che può essere il cambiamento che aveva promesso. I bulli sono deboli, bravi a fare i gradassi dietro le spalle, ma quando li affronti non lo fanno più".

Meloni parla anche delle elezioni Europee ormai alle porte. Non vuole porsi limiti, ma nemmeno indicare una soglia percentuale che potrebbe essere poi irrealizzabile. Nonostante sia capolista ovunque, si adegua a quello che gli ultimi sondaggi attribuiscono a Fratelli d’Italia. E quindi, dice che le andrebbe bene prendere il 26% dei voti. Sulle possibili future alleanze in Europa, la premier anticipa le mosse politiche. "Si stanno formando - prosegue Meloni a Il Corriere - diverse maggioranze e la sinistra è nervosa". In ogni caso, prima di ogni decisione andrà "ascoltato il popolo" che voterà e creerà i nuovi equilibri, per questo Meloni non si sbilancia sul possibile nuovo presidente, né svela se il suo possa essere italiano (ovvero Draghi): "Io un nome ce l’ho. Però non si parte dal candidato, ma dalla maggioranza. Solo così si evitano le maggioranze arcobaleno".






in evidenza
Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura

E non è Selvaggia Lucarelli. Ecco chi è

Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura


in vetrina
Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista

Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista


motori
Alfa Romeo Junior VELOCE: debutto elettrico da 280 CV

Alfa Romeo Junior VELOCE: debutto elettrico da 280 CV

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.