A- A+
Politica
Pace fiscale, compromesso a 15 mila euro. Saldo e stralcio, come funziona
Meloni Salvini Tajani

Pace fiscale nella Legge di Bilancio per il 2024, compromesso nella maggioranza

 

Matteo Salvini ha lanciato la proposta di una grande pace fiscale per le cartelle e i debiti con l'Agenzia delle Entrate fino a 30mila euro. Una proposta, ovviamente, subito bocciata dal Pd e dal Movimento 5 Stelle, bollata come condono e favore agli evasori fiscali. In realtà, dietro le quinte, nella maggioranza si sta già trattando in vista della stesura della Legge di Bilancio per il 2024. Proprio nella manovra per il prossimo anno dovrebbe esserci il provvedimento con il nuovo saldo e stralcio.

Fratelli d'Italia e Giorgia Meloni ufficialmente non si sono espressi, la reazione - a microfono spento - non è né entusiasta ma nemmeno una chiusura. Appunto, si sta trattando. Fonti leghiste spiegano che dopo il Covid e con la guerra in Ucraina ancora in corsa una misura di questo tipo è necessaria per ridare fiato a molte piccole e medie aziende, ma anche a molti cittadini in difficoltà. Forza Italia non chiude all'idea leghista e intende lavorare a un rilancio del saldo e stralcio.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pace fiscalesaldo e stralcio





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria


motori
Volkswagen lancia il progetto per l’auto elettrica da 20.000 euro

Volkswagen lancia il progetto per l’auto elettrica da 20.000 euro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.