A- A+
Politica
Patto Stabilità, Draghi corre in soccorso della Meloni: "Sì a nuove regole"
Mario Draghi

The Economist, il commento integrale dell'ex premier Mario Draghi 

"Un’unione monetaria può sopravvivere senza un’unione fiscale? Questa è la domanda che ha accompagnato l’area dell’euro fin dalla sua creazione. Poiché fin dal suo concepimento ha impedito trasferimenti fiscali, l’unione monetaria è stata considerata da molti economisti destinata al fallimento, prima ancora di essere lanciata. È sopravvissuta a una crisi esistenziale, tra il 2010 e il 2012, soltanto grazie a soluzioni di ripiego e ancora oggi non si avvicina a dare una risposta a quell’interrogativo.

Eppure, paradossalmente, le prospettive di un’unione fiscale nella zona euro stanno migliorando – perché la natura dell’integrazione fiscale necessaria sta cambiando. In genere, l’unione fiscale viene vista come un trasferimento dalle regioni più prospere a quelle che stanno vivendo recessioni economiche, e in Europa resta forte l’opposizione dell’opinione pubblica alla possibilità che i Paesi più forti sostengano i più deboli. Questo tipo di politica di “stabilizzazione” federale è diventata in ogni caso meno rilevante.

LEGGI ANCHE: Draghi, mazzata all'Ue: "Sbagliato tornare alle vecchie regole fiscali"

La zona euro si è evoluta in due modi che stanno spianando la strada a un’unione fiscale diversa e potenzialmente più accettabile. Il primo: dal 2012, la Banca centrale europea ha messo a punto strumenti politici atti ad arginare l’indesiderata divergenza tra gli oneri finanziari dei Paesi più forti e dei più deboli e ha dimostrato di volerli utilizzare. Questo ha permesso alle politiche fiscali nazionali – che rivestono un ruolo fondamentale di stabilizzazione nella zona euro – di stabilizzare il ciclo economico.

A sua volta il continente non sta affrontando crisi provocate da politiche inadeguate di Paesi membri ma choc esternifiscalkolta, questo rende meno indispensabili i trasferimenti di fondi da un Paese all’altro. Secondo: l’Europa non sta più affrontando crisi provocate da politiche inadeguate in determinati Paesi. Al contrario, deve confrontarsi con choc comuni esterni come la pandemia, la crisi energetica e la guerra in Ucraina. Questi choc sono troppo grandi perché un Paese riesca a gestirli da solo. Di conseguenza, c'è meno opposizione ad affrontarli attraverso un'azione fiscale comune.

Il continente non sta affrontando crisi provocate da politiche inadeguate di Paesi membri ma choc esterni

Iscriviti alla newsletter
Tags:
mario draghipatto stabilitàue





in evidenza
Annalisa e Tananai in versione Bonnie e Clyde. Video

Arriva Storie Brevi

Annalisa e Tananai in versione Bonnie e Clyde. Video


in vetrina
Il Made in Italy protagonista a New York: al via la fiera culinaria "Fancy Food Show"

Il Made in Italy protagonista a New York: al via la fiera culinaria "Fancy Food Show"


motori
Mercedes-Benz amplia la gamma Small Van con EQT ed eCitan

Mercedes-Benz amplia la gamma Small Van con EQT ed eCitan

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.