A- A+
Politica
Reato di tortura, detenute madri e... La giustizia torna terreno di scontro
Visita della senatrice Ilaria Cucchi alla casa di reclusione di Opera

Scontro totale sulla giustizia, dal reato di tortura alle detenute madri

La giustizia torna ad essere terreno di scontro tra centrodestra e centrosinistra. Tanti i temi al centro del ring: dalla proposta di legge in quota opposizioni e a prima firma Pd sulle detenute madri, poi ritirata dai dem con l'accusa rivolta alla maggioranza di averne stravolto il testo grazie all'approvazione di alcuni emendamenti, alla proposta di legge di FdI che mira ad eliminare il reato di tortura, inserito nell'ordinamento nel 2017 dopo una lunga battaglia, fino ai testi delle forze che sostengono il governo sulla maternità surrogata da trasformare in reato universale passando per il divieto di trascrizione da parte dei

Maternità surrogata: Termometro politico, maggioranza italiani è contro

La maggioranza degli italiani si schiera contro la Maternità surrogata. Per il 55,5% dovrebbe essere illegale ovunque sia stata praticata. Tra chi dice no ci sono però differenze sull'affidamento dei bambini nati con questa pratica: per il 40,2% il bambino dovrebbe essere restituito alla madre naturale o dichiarato adottabile mentre per il 15,3% dovrebbe rimanere con la coppia che ha fatto ricorso alla Maternità surrogata. A favore di questa pratica tout court è il 15,7% mentre il 21,4% si dice favorevole ma solo solo se si tratta di Maternità surrogata altruistica, senza alcun pagamento né rimborso spese. Sono i dati raccolti dal sondaggio settimanale realizzato da Termometro Politico tra il 21 e il 23 marzo.

Comuni dei certificati anagrafici dei figli di genitori dello stesso sesso, a cui segue la bocciatura da parte del centrodestra in commissione Politiche Ue del Senato della proposta di regolamento Ue per il riconoscimento dei diritti dei figli anche di coppie gay e l’adozione di un certificato europeo di filiazione.

Lo scontro è altissimo tra maggioranza e opposizioni, i livelli di guardia sembrano ormai essere stati superati. Tanto che tra le forze di minoranza c'è chi invoca l'inetervento del Colle. E come se di carne al fuoco non ve ne fosse già abbastanza, ci pensa il viceministro di FdI Edmondo Cirielli a versare oggi nuova benzina: sia tolta la patria potestà alle madri condannate in via definitiva per reati gravi. "Siamo alla follia", commenta lapidario il parlamentare dem Alessandro Zan. 

"Togliere la patria potestà alle madri condannate significa capire poco di diritto ma significa soprattutto non capire nulla di umanità. I membri del governo Meloni devono smetterla con queste uscite da bar e pensare a governare, se ci riescono", sentenzia Matteo Renzi. Mentre la capogruppo Pd alla Camera, Debora Serracchiani va alla radice e chiama in causa direttamente il titolare di via Arenula: "Qualcosa è cambiato, e il Nordio garantista appare un ricordo sbiadito. Ministro, dov'è finito Carlo Nordio?", osserva ironica Serracchiani.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
detenute madrigiuistiziareato di tortura





in evidenza
Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)

Affari va in rete

Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)


in vetrina
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO

La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO


motori
Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.