A- A+
Politica
Scherzo telefonico alla premier, Mantovano si è "melonizzato"
Giorgia Meloni e Alfredo Mantovano

Alfredo Mantovano "melonizzato", dopo la telefonata fake non ne esce benissimo

L'incidente "diplomatico" a Palazzo Chigi ai danni della premier Meloni ha avuto un impatto tale sulla sua reputazione politica che l'eco non poteva che, inevitabilmente, riverberarsi anche sui suoi "fedelissimi". Primo tra tutti, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Alfredo Mantovano, che giorni addietro, ha tentato di dissimulare la "falla" nel sistema di controllo difendendo la tesi di una Giorgia Meloni "onnisciente" al telefono con i due comici russi, prima di essere sbugiardato in diretta su Otto e mezzo, in cui uno dei due autori burloni ha ammesso candidamente di aver portato avanti la chiamata per oltre mezz'ora senza sapere bene come concluderla visto l'incalzare  degli argomenti da parte della premier. 

Questo ha dimostrato senz'altro la devozione del sottosegretario - sulla cui nomina non avrebbero scommesso in molti al tempo - al punto tale da essere considerato ormai un politico "melonizzato", come lo definisce il report a lui dedicato dal sito di informazione Dagospia, che, per prima cosa, ne traccia un ritratto "ante e post Meloni".

Leggi anche: Scherzo a Meloni, Lexus ad Affari: "Premier stanca, lasciata sola dall'Ue"

Vedovo, tre figli, ex magistrato, è stato parlamentare di An e sottosegretario all’Interno nei governi Berlusconi II e IV nonché “montiano” dell’allora Pdl (così detto dal giorno del dicembre 2012 in cui, a differenza del Cav., Mantovano votò la fiducia al “tecnico” Mario Monti). Raccontato come “esperto conoscitore della macchina governativa”, gli apparati dello Stato puntavano molto sul buon senso istituzionale di Mantovano per arginare le estremizzazioni. 

Un lampante cambio di casacca - prosegue Dagospia - è avvenuto proprio ieri quando Piantedosi ha deciso di affidare la gestione dell'emergenza immigrazione al prefetto Laura Lega. La stessa che 7 anni fa, febbraio 2016, in piena emergenza immigrazione, Matteo Salvini apostrofò rudemente:  "Vai a casa e cambia lavoro".

Leggi anche:  Competitività e mercato unico Ue: dopo Draghi, Ursula arruola anche Letta

Così Mantovano è stato poi incalzato ulteriormente dal Fattoquotidiano.it: “Su Radio24, descrive la vicenda come una trappola di intelligence architettata da Mosca e abilmente schivata dalla capa del governo: “C’è stato un tentativo di farle fare qualche errore di comunicazione che invece non c’è stato, perché Meloni dice in privato le stesse cose che dice in pubblico”, afferma.

Silenzio assordante - scrive ancora Dagospia - sull’altro tema della conversazione telefonica: il rapporto dell’Africa con la Francia sulla rivolta nel Niger, durante il quale la premier non ha risparmiato stoccate contro l’alleato europeo Macron. A Parigi sanno che mettere in campo l’ennesimo scontro franco-italiano, non porterebbe in questo momento a nulla di buono. Macron lo tirerà fuori al tempo debito. Magari in Commissione europea.

Insomma, un quadro tutt'altro che lusinghiero ritrae al momento Giorgia Meloni e il suo seguito politico. 

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Aeroporto Berlusconi, il web si scatena. Ecco i meme e le reazioni più divertenti

Aeroporto Berlusconi, il web si scatena. Ecco i meme e le reazioni più divertenti


motori
MG celebra 100 anni di storia al Goodwood Festival of Speed

MG celebra 100 anni di storia al Goodwood Festival of Speed

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.