A- A+
Politica
"Travaglio scriveva contro Silvio? E puntualmente telefonava Fassino..."
Piero Fassino

“Solo la verità, lo giuro – giornalisti artisti pagliacci”, di Antonio Padellaro (ed. Piemme)

 

[…] All'Unità, i miei contrasti con la dirigenza dei Ds, o meglio, con Piero Fassino, che era il segretario del tempo, nascevano inevitabilmente dalla rubrica quotidiana di Marco Travaglio, «Bananas», dedicata alle gesta dell'arrembante Silvio Berlusconi. E' un estratto da “Solo la verità, lo giuro – giornalisti artisti pagliacci”, di Antonio Padellaro (ed. Piemme) ripreso dal sito Dagospia.

Ogni qualvolta Travaglio scriveva qualcosa contro Berlusconi, non in linea con qualche inciucio della sinistra, il mattino successivo, cascasse il mondo, squillava il telefono e un'apprensiva voce femminile scandiva il mio incombente destino: «Ti passo Fassino».

All'inizio, non conoscendo il metabolismo fassiniano, mi sottoponevo a penose conversazioni nel corso delle quali il leader della sinistra italiana diceva le cose più sgradevoli sulla mia direzione.

Schiacciato dal peso della colpa che mi ero assunto nei confronti delle masse lavoratrici e dei ceti più deboli, non proferivo parola. Poi, appresi che Fassino soffriva di pressione bassa. Quindi, appena risvegliatosi dal sonno del giusto, egli univa all'umor nero da ipotensione mattutina l'incazzatura per le ribalderie di Marco. Miscela esplosiva di cui facevo io le spese.

Escogitai un banale stratagemma. Ogni qualvolta il Fassino furioso si appalesava, comunicavo che al momento non potevo rispondere e che lo avrei richiamato. Infatti, era ciò che facevo nel pomeriggio inoltrato quando ero sicuro che la pressione si fosse ristabilita su valori accettabili.

In genere, Piero rispondeva dimentico del motivo che lo aveva scatenato di buon mattino. Manifestava, anzi, una certa cordialità e alle volte si informava perfino sul mio stato di salute. Ricordava il milionario di Luci della città che di notte, ubriaco, abbracciava il vagabondo Charlot e di giorno, ritornato sobrio, lo maltrattava.

Dai e dai, però, il giochino non ha retto più finché un Fassino con la pressione regolare mi ordinò senza tanti preamboli: «Devi cacciare Travaglio». Replicai con una delle poche frasi di cui vado orgoglioso: «Fai una cosa più semplice, caccia me, così nomini un altro direttore che poi caccia Travaglio».

E nel mentre lo dicevo sogghignavo: col cavolo che ti faccio 'sto favore. Infatti, consapevole del casino che ne sarebbe nato non ci provò più.

Sono stato allevato, come papa Bergoglio e Mario Draghi, da quei figli di buona donna dei padri gesuiti. Che in materia battono tre a zero i salesiani da cui Fassino era stato allevato (ma pure Travaglio). Del resto, non sono pochi quelli di sinistra che sono andati a scuola dai preti. La sinistra è stata incubata dai preti (ho detto incubata, eh).

A eccezione di Massimo D'Alema, cresciuto in qualche gulag siberiano. Pure lui detestava Travaglio ma non ha mai telefonato per protestare. Forse perché quando Marco era invitato alle feste dell'Unità riscuoteva grande successo e riempiva i tendoni. I militanti lo adoravano proprio per i suoi interventi caustici, irriverenti. Al contrario del ceto politico che non ne voleva sapere. Smisero di chiamarlo quando scrisse che la sinistra era entrata a Palazzo Chigi con le pezze al culo e ne era uscita indossando calzature di pregio.

Nel mio caso era diverso. Come direttore dell'Unità invito alle feste era quasi obbligatorio. Poi, un giorno, in un'intervista confessai che non avevo mai Votato per gli eredi del Pci. La cosa creò un certo scompiglio ma per fortuna nessuno approfondi, altrimenti sarebbe uscito fuori che il mio voto lo avevo dato a quel semolino sciapo del fronte laico.

Ai repubblicani e, una volta, perfino al Garofano di Betti no Craxi. Questo me lo tenni per me altrimenti mi avrebbero cacciato su due piedi.

Mi cacciarono lo stesso, tempo un annetto. Dopo aver cacciato Furio Colombo che aveva risollevato le sorti di un giornale fallito e senza più lettori. […] Fu cacciato da una proprietà insofferente per la troppa libertà che si era preso rispetto a una sinistra bigotta e trinariciuta. Presi il suo posto ma dopo nemmeno un paio d'anni arrivò un nuovo editore: Renato Soru, il creatore di Tiscali, l'uomo che aveva portato internet in Italia in una dimensione industriale, colui che aveva sbancato la Borsa.

Era stato Walter Veltroni, all'apice del successo come demiurgo del Pd, a chiedergli di mettere un bel po' di quattrini per sanare i bilanci della testata che, malgrado il successo nelle edicole, erano appesantiti dal debito pregresso. Sarà l'ex sindaco di Roma a congedarmi tramite intervista al Corriere della Sera: annunciava che avrebbe visto di buon occhio alla direzione dell'Unità una donna (casualmente aveva già scelto Concita De Gregorio).

Poiché non avevo intenzione di cambiare sesso, preparai gli scatoloni. Soru venne a trovarmi perché, così disse, voleva conoscermi di persona. In realtà per cacciarmi meglio. Lui è il classico sardo muto che alterna lunghe pause a profondi silenzi. Voleva accompagnarmi alla porta ma non trovava le parole giuste per farlo. Tergiversava illustrando faraonici progetti di rilancio nei quali, giurava, avrei avuto un ruolo strategico fondamentale. Andammo a prendere un caffè al bar di fronte, seduti a un tavolino tutto diventò più semplice. Gli dissi che consideravo concluso il mio tempo all'Unità e che stavo lavorando a un nuovo progetto. Ritrovò miracolosamente la favella e, come sollevato dal nuraghe che gli pesava sullo stomaco, mancò poco che mi stringesse in un abbraccio riconoscente. […]






in evidenza
Anna Falchi-Andrea Crippa: finita Lei ha un nuovo amore misterioso

Relazione durata sei mesi

Anna Falchi-Andrea Crippa: finita
Lei ha un nuovo amore misterioso


in vetrina
Picchi fino a 40 gradi (ecco dove). Ma poi nubifragi e grandinate

Picchi fino a 40 gradi (ecco dove). Ma poi nubifragi e grandinate


motori
BMW M2: La nuova frontiera delle compatte sportive ad alte prestazioni

BMW M2: La nuova frontiera delle compatte sportive ad alte prestazioni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.