A- A+
Politica
Ue, monito all'Italia su Pnnr e riforma fiscale. Fitto: "Modifiche al piano"

Per l'Ue l'Italia non soddisfa i criteri di deficit: il monito va al Pnrr e alla riforma fiscale

Per la Commissione Ue l’Italia non soddisfa il criterio di decifit. Lo afferma l'esecutivo europeo nel pacchetto di primavera secondo cui l'Italia presenta “squilibri macroeconomici eccessivi per l'elevato debito pubblico, la debole crescita della produttività, in un contesto di fragilità del mercato del lavoro e alcune debolezze nei mercati finanziari, che hanno rilevanza transfrontaliera”. Inoltre, le banche sono ancora significativamente esposte al debito sovrano. Insieme all’Italia, sulla base dei dati del 2022, non rispondono ai parametri altri 13 Paesi, tra cui anche Francia e Finlandia.

"Le vulnerabilità di lunga data dell'Italia si sono leggermente attenuate negli ultimi anni - continua la nota di Bruxelles - ma rimangono significative e non si prevede che si risolveranno rapidamente".  La Commissione Ue raccomanda inoltre all'Italia di "garantire una governance efficace e rafforzare la capacità amministrativa, in particolare a livello subnazionale, per consentire un'attuazione continua, rapida e costante del Piano per la ripresa e la resilienza". Per il Pnrr finora il nostro Paese ha ricevuto 42 miliardi di euro per le prime due rate, mentre la terza richiesta è tuttora oggetto di valutazione. Il piano ha "natura temporanea" e scade nel 2026, è quindi' "essenziale" attuare "pienamente" il Pnrr. 

Leggi anche: Decreto maltempo, stanziati 2 miliardi. Ok a De Gennaro comandante Gdf

Ma oltre al fronte del Pnrr, l'Ue insiste in particolare su quello fiscale, oltre che sull’accelerazione per le rinnovabili e la riduzione della dipendenza da fonti fossili. Nelle raccomandazioni fornite dall’esecutivo comunitario all’Italia si chiede di assicurare una politica fiscale prudente e di arginare la crescita della spesa corrente un tetto dell’1,3% nel 2024. si chiede di "ridurre ulteriormente le imposte sul lavoro e rendere più efficiente il sistema tributario adottando e attuando debitamente la legge delega sulla riforma fiscale, preservando la progressività del sistema tributario". Quest'ultimo punto è un sostanziale "no alla flat tax".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
europapnrrraffaele fittoue





in evidenza
Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

MediaTech

Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.