A- A+
Politica
"Vi spiego il piano centrista di Renzi. FI? Tajani è sotto il tacco di Meloni"
Matteo Renzi Enrico Borghi

"Calenda, immaginando per se’ il ruolo degli azionisti del dopoguerra che avevano l’ambizione di guidare le forze popolari ritenendole immature per il governo, preferisce ritagliarsi un ruolo da Partito Repubblicano di la malfiana memoria"

 

"Il centro riformista cui pensiamo non è né la riedizione del galleggiamento doroteo della Prima Repubblica, ne’ la terza scelta dopo il nazionalismo di destra e il populismo radicale di sinistra. Per questo serve una forza politica che riprenda al tempo stesso il concetto dell’equilibrio e della maturità di governo unita ad un processo riformatore per sbloccare l’Italia dalle secche dove si è infilata". Lo afferma ad Affaritaliani.it Enrico Borghi, capogruppo di Italia Viva al Senato.

Il divorzio tra Italia Viva e Azione è ormai definitivo?
“Sul piano politico, le dichiarazioni ormai non si contano più e le scelte adottate da Azione sono precise. A fronte di una nostra proposta tesa a identificare le prossime europee come momento della sintesi di tutti i riformisti italiani, ha ritenuto di imboccare una strada diversa. Al di là delle stucchevoli ricostruzioni, o  degli aspetti personali, resta il punto politico. Noi riteniamo che si debba dare vita ad un centro riformista, aperto al contributo di molti. Calenda, immaginando per se’ il ruolo degli azionisti del dopoguerra che avevano l’ambizione di guidare le forze popolari ritenendole immature per il governo, preferisce ritagliarsi un ruolo da Partito Repubblicano di la malfiana memoria. Ma i tempi in cui i voti si pesano e non si contano sono finiti. In ogni caso, ne discuteremo certamente nei gruppi al rientro”.

Matteo Renzi ha un progetto centrista?
“Intendiamoci sul concetto. Il centro riformista cui pensiamo non è né la riedizione del galleggiamento doroteo della Prima Repubblica, ne’ la terza scelta dopo il nazionalismo di destra e il populismo radicale di sinistra. Per questo serve una forza politica che riprenda al tempo stesso il concetto dell’equilibrio e della maturità di governo unita ad un processo riformatore per sbloccare l’Italia dalle secche dove si è infilata. Legandoci ad un percorso politico e storico. Diceva il filosofo spagnolo Jose’ Ortega y Gasset che l’uomo non ha natura, ma solo storia. Se recuperiamo il senso della nostra dimensione storica,  ci accorgiamo che l’Italia è stata grande quando i migliori riformismi (quello cattolico popolare, quello liberal-democratico, quello socialista riformista) hanno cooperato fra loro. Oggi i riformisti sono frammentati dentro un quadro politico che però non è più quello della Seconda Repubblica. E se vogliamo avere una visione del futuro, dobbiamo recuperare la dimensione storica e ridare voce e ruolo alle culture politiche. In modo dinamico e innovativo, non stantio e ripetitivo. Questo è il percorso del centro riformista, per ridare una opportunità all’Italia. E a chi dice che siamo velleitari, rispondo che Blair, Obama, Clinton sono stati riformisti che governavano dal centro, come lo sono oggi Macron o Biden. E non ci arrendiamo all’idea che il futuro italiano sia solo tra gli epigoni cisalpini di Madame Le Pen o Jean Luc Melenchon”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
enrico borghimatteo renzi progetto centrorenzi calenda





in evidenza
Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni

Le due star vogliono diventare solisti

Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.