I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Fisco e Dintorni
Atti fiscali via PEC: Tribunale ferma pignoramento
da sx: Dott. A. Sorrento e Dott. M. Guadalupi

Il Tribunale di Lecce sospende un pignoramento di Agenzia Riscossione da quasi un milione di euro e la condanna a pagare oltre 8.000 euro di spese legali. Il motivo? Le cartelle esattoriali erano state inviate attraverso indirizzi pec “sconosciuti”.

 

Con ordinanza del 19 luglio scorso il giudice dell’esecuzione del Tribunale di Lecce ha affrontato la questione degli atti esattoriali inviati via pec da Agenzia delle Entrate Riscossione.

Sul punto, fa sapere il Presidente di Partite Iva Nazionali (PIN), il Dott. Antonio Sorrento  “Finalmente il Tribunale di Lecce ha accolto le contestazioni di un imprenditore salentino vicino alla nostra associazione. In questo caso il contribuente, difeso dall’Avv. Matteo Sances, ha rilevato l’inesistenza delle cartelle di pagamento alla base del pignoramento poiché inviate attraverso indirizzi pec non presenti in pubblici registri, così come previsto dalle norme (ossia dall’art. 3bis della legge n.53/1994). Ringraziamo dunque l’associazione forense Camera Civile Salentina per aver segnalato ai media tale provvedimento giudiziario” (si veda ordinanza del Tribunale di Lecce su www.partiteivanazionali.it – sezione Documenti).

Interviene sulla questione anche il Dott. Marcello Guadalupi, commercialista in Milano, per segnalare che “La questione della notifica degli atti esattoriali per posta elettronica certificata mi è molto cara poiché ho avuto modo di esaminarla con l’Avv. Sances e i colleghi del Sindacato Italiano Commercialisti in un recente convegno organizzato da MilanoPerCorsi nei mesi scorsi e già allora eravamo convinti che si trattasse di un problema molto serio”.

Continua il Dott. Guadalupi “La questione posta dall'ordinanza del Tribunale non è solo un mero cavillo formale ma un problema SOSTANZIALE. Mi spiego meglio.

Quotidianamente riceviamo comunicazioni per posta elettronica e i pubblici registri devono indicare tutte le pec ufficiali della P.A. al fine di garantire l'identità del mittente e dunque la nostra sicurezza. Ricordo che il 12 agosto scorso la stessa Agenzia delle Entrate avvisava i cittadini di potenziali attacchi hacker invitando a non aprire le comunicazioni di posta elettronica provenienti da indirizzi. Il provvedimento del Tribunale di Lecce è solo l’ultimo di una serie di sentenze emesse in queste settimane ed ecco perché abbiamo deciso di unire nuovamente le forze per poter continuare a sensibilizzare le istituzioni a un comportamento più rispettoso dei diritti dei contribuenti”.

Ci auguriamo veramente che queste iniziative vengano recepite.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    #antoniosorrento #pignoramento #marcelloguadalupi #cartellaesattoriale #matteosances #lupitributarista





    in evidenza
    Delitto Tramontano, Perrino a Ore 14: "Il veleno usato (solo) per far abortire Giulia? Un autogol per la difesa di Impagnatiello"

    MediaTech

    Delitto Tramontano, Perrino a Ore 14: "Il veleno usato (solo) per far abortire Giulia? Un autogol per la difesa di Impagnatiello"

    
    in vetrina
    Tennis/ Sinner, nuovo numero uno al mondo? La bella Anna è in tribuna per lui

    Tennis/ Sinner, nuovo numero uno al mondo? La bella Anna è in tribuna per lui


    motori
    Porsche presenta le nuove 911 Carrera GTS e 911 Carrera con il T-Hybrid

    Porsche presenta le nuove 911 Carrera GTS e 911 Carrera con il T-Hybrid

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.