A- A+
Sport
Scudetto del Milan, ecco perché non è stato allestito il maxi-schermo

Milan, niente maxi-schermo per i tifosi: ecco perché

Il Milan non ci sta. Nella giornata in cui la squadra neo-campione d’Italia arriva in sede per continuare la grande festa in città con il pullman scoperto, dalla società emerge la voglia di fare chiarezza una volta per tutte sul caso maxi-schermo. In molti, infatti, si sono chiesti perché non sia stato allestito uno spazio che permettesse ai tifosi di vedere la partita. Secondo la società, da quando si è capito che il Milan aveva ottime – per non dire granitiche – possibilità di aggiudicarsi lo scudetto, è stata la stessa squadra a dialogare con le autorità. Partendo da un assunto: che lo schermo era già pronto, nel senso che sarebbe stata la società stessa a sobbarcarsi le spese necessarie.

 

LEGGI ANCHE: Il maxischermo e gli strani silenzi del Milan campione d'Italia

 

Il rimpallo tra Sala, Fontana e la prefettura

A questo punto bisognava trovare il luogo adatto per installare lo schermo. E qui la questione si complica: perché, ribadiscono dalla società, nessuno ha mai risposto, asserendo che fosse il Milan a dover fare una richiesta formale. A quel punto si è chiesta la disponibilità per Piazza del Duomo: negata dal sindaco perché ancora presenti gli allestimenti del concerto di Radio Italia del giorno prima. Allora la zona prospicente Casa Milan, nell’area di Portello? Altolà dalla prefettura. La cosa dunque si fa complessa: quali altre zone sarebbero state indicate? Nessuno ha saputo dirlo.

Via libera da Dazn

E pensare che perfino Dazn, l’Ott che detiene i diritti di ritrasmissione di tutta la Serie A, si era detto disponibile a mandare in onda la partita sui maxi-schermi. A patto, ovviamente, che ci fosse il via libera da parte delle autorità competenti. Che hanno però taciuto. Ulteriore prova del fatto che la responsabilità non va eventualmente addebitata alla società? I tifosi, delusi dall’impossibilità di vedere in piazza la partita, non si sono scagliati contro il Milan, ma contro le istituzioni. Insomma, secondo la squadra campione d’Italia non è il caso di cercare responsabilità. Ma, se proprio bisogna compiere questo esercizio, allora non è dalle parti di Via Aldo Rossi che si dovrebbero trovare. 

 

Scudetto Milan. Pioli vale Conte. Leao sembra Mbappè. Maignan da 10. PAGELLE

Festa Milan: il tifoso con il costume di Borat a Milano. VIDEO

Milan, oggi la parata in bus dei giocatori per le vie di Milano

Milan, 50mila tifosi festeggiano: piazza Duomo rossonera. FOTO

Milan, festa senza maxi schermo. Botta e risposta tra Sala e Salvini

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    milan




    in evidenza
    Affari in rete

    MediaTech

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

    Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.