A- A+
Home
Usa, l'Fbi perquisisce la casa di Rudolph Giuliani
La Presse

L'ex sindaco della Grande Mela, Giuliani, è al centro di un'inchiesta del Federal Bureau of Investigation da diverso tempo ormai. La perquisizione nella sua casa è stata eseguita per tentare di ottenere più informazioni possibili.
Un brutto affare per Giuliani. Nei suoi confronti sono ipotizzati contatti con le autorità ucraine al fine di reperire informazioni in grado di danneggiare la campagna elettorale di Joe Biden.

La FBI ha perquisito sia l'appartamento sia l'ufficio di Rudy Giuliani, avvocato personale dell'ex presidente Donald Trump, nell'ambito delle indagini sul suo coinvolgimento nelle pressioni all'Ucraina per ottenere dati compromettenti su Hunter Biden. In particolare avrebbe lavorato per far aprire un'indagine per corruzione sul figlio dell'allora candidato presidenziale democratico Biden (oggi Presidente degli Stati Uniti). Le perquisizioni sono avvenute ieri nella casa dell'ex sindaco di New York che si trova nell'Upper East Side, a Manhattan, e nell'ufficio di Park Avenue. Gli agenti hanno sequestrato apparecchiature elettroniche e computer di proprietà del 76enne. L'avvocato di Giuliani, Robert Costello, ha dichiarato che la perquisizione era "totalmente superflua" ed è stata condotta per "farlo sembrare una sorta di criminale".

Costello inoltre ha rincarato la dose nei confronti degli agenti federali aggiungendo che si è trattato di una “mossa non necessaria in quanto Giuliani negli ultimi anni si era offerto di rispondere alle domande degli investigatori a condizione che avessero accettato di dire in anticipo in quale area stessero indagando. Ma questi hanno rifiutato l'offerta. Gli agenti sono arrivati nell'appartamento di Giuliani alle 6 del mattino con un mandato di perquisizione relativo a un'indagine su una possibile violazione delle regole del lobbismo con l'estero”.

Rudolph Giuliani è stato un sindaco molto amato a New York grazie al fatto di aver riportato in città, soprattutto a Manhattan ordine e sicurezza che non si vedevano da molti anni. Suo il motto “Tolleranza zero” ripreso poi in molte altre città internazionali. Durante il suo mandato fece una vera e propria battaglia contro mendicanti, lavavetri, street artist e delinquenti di ogni tipo, lasciando che la polizia utilizzasse spesso il pugno di ferro. Forse troppo spesso. Di fatto dopo alla fine del suo mandato la Grande Mela divenne più vivibile e sicura.

Conservatore ma liberale, si prese le critiche della base repubblicana più tradizionalista quando nel 2008 spiego le sue ragioni su temi come aborto, ricerca embrionale e coppie di fatto.

Commenti
    Tags:
    new yorkfbigiulianiucrainalobby
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    De Magistris:"Vaccinare tutti, anche i migranti. Altrimenti è discriminazione"

    Cronache

    De Magistris:"Vaccinare tutti, anche i migranti. Altrimenti è discriminazione"

    i più visti
    in vetrina
    Elettra Lamborghini senza il reggiseno. Wanda Nara esplosiva e...

    Elettra Lamborghini senza il reggiseno. Wanda Nara esplosiva e...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Jeep® Wrangler 4xe plug-in hybrid,ordinabile in Italia

    Nuova Jeep® Wrangler 4xe plug-in hybrid,ordinabile in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Coffee Break

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.