I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Imprese e Professioni
Aggiornamento economico. Manovra di Bilancio, Recovery Plan e cartelle fiscali

Dipartimento Banche, Fisco e Finanza PD Milano Metropolitana - La Manovra per il 2021 aggiorna e implementa le misure per il lavoro: la cassa integrazione d’emergenza si allunga di altre 12 settimane, gratuite, per le imprese. Per chi assume under 35, da gennaio fino alla fine del 2022, sono previsti sgravi triennali al 100%, entro un tetto di 6 mila euro l’anno. Incentivo al 100% anche in caso di assunzione di donne disoccupate al Sud e senza un impiego da almeno 24 mesi nel resto del Paese. Il blocco dei licenziamenti prosegue fino al 31 marzo. Incentivo per chi non fa ricorso alla Cig d’emergenza: ai datori di lavoro privati, che non richiedono i trattamenti di Cig Covid, è riconosciuto l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a loro carico per un massimo di 8 settimane, utilizzabili entro la fine di marzo.

Intervista ad Alessia Potecchi, Responsabile Dipartimento Banche, Fisco e Finanza del Pd Metropolitano di Milano

"Importante il pacchetto e l’attenzione per il lavoro" dichiara Alessia Potecchi. "In tutto sono quasi 7 miliardi di risorse sui 40 complessivi della legge di bilancio 2021. La Legge di Bilancio conferma per i lavoratori dipendenti il taglio del cuneo fiscale  per i redditi tra 28 mila e 40 mila euro. Il provvedimento, anticipa la più generale riforma dell’Irpef e delle aliquote della tassazione sui redditi da lavoro dipendente. Previsto un fondo per un «anno bianco» fiscale per autonomi e partite Iva: il fondo serve a garantire l’esonero dai minimi contributivi per partite Iva, professionisti e autonomi colpiti dalla pandemia. I requisiti richiesti sono una perdita di fatturato 2020 rispetto al 2019 di almeno un terzo (il 33%) e un fatturato complessivo inferiore ai 50 milioni".

Quali sono le novità?

"Le novità prevedono incentivi auto, la proroga del Superbonus a tutto il 2022; il bonus mobili che sale a 16 mila euro; il bonus bagno, il credito d’imposta per gli chef e un nuovo voucher per gli occhiali da vista e l’assegno unico per i figli. Capitolo imprese, sono confermati i Fondi di garanzia e decontribuzioni per chi investe al Sud, ma anche esenzioni fiscali e crediti d’imposta. Per le famiglie si va verso il «Family Act», le risorse destinate alla famiglia  dal prossimo luglio confluiranno nell’assegno mensile per ogni figlio a carico: per il 2021 per la famiglia ci sono 3 miliardi, che diventeranno 5 nel 2022. Ci sono aiuti e incentivi per l’imprenditorialità femminile e 500 euro al mese per le mamme single e disabili".

E il Superbonus?

"La proroga del Superbonus al 110% copre tutto il 2022. Si tratta di una estensione di sei mesi più sei, per consentire il completamento dei lavori. Presente un Fondo per il sostegno della parità salariale di genere con una dotazione di 2 milioni di euro annui dal 2022 destinato a iniziative finalizzate al sostegno del valore sociale ed economico della parità salariale di genere e delle pari opportunità in ambito professionale".

Possiamo approfondire un po' anche il punto del Recovery Plan?

"Nel Recovery Plan aumentano gli investimenti pubblici senza sforare le linee di deficit e debito scritte nei tendenziali di finanza pubblica. Si guarda a tutti i fondi disponibili per fare crescere quei capitoli che sono ritenuti strategici : sanità, infrastrutture, asili e lavoro dei giovani. Quindi maggiori investimenti e meno interventi come bonus e sussidi. Beneficeranno del nuovo piano le infrastrutture che da 27,8 miliardi arrivano a 33, viene potenziata la parte del Recovery destinata al Mezzogiorno, confluiscono qui una parte delle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione in particolare per irrobustire il programma per il rafforzamento delle ferrovie regionali che valeva 1 miliardo e ora ne vale 2,5. Confermato lo stanziamento di 7 miliardi per il trasporto locale sostenibile. Forte rilancio dell’occupazione delle donne migliorando la conciliazione vita e lavoro, l’obiettivo è quello di raggiungere la creazione di nuovi posti di lavoro da qui al 2026 e di raggiungere un’offerta media nazionale del 55%, oggi il nostro Paese è fermo ad un modesto 25% contro una media europea del 35%"

La formazione e sanità potranno avere un ruolo importante?

"Giusto, il capitolo formazione: oltre 10 miliardi quasi tutti fondi aggiuntivi, previsto il rilancio delle discipline STEM e l’avvio di una nuova riforma per gli istituti tecnici e professionali per adeguarli alle esigenze dei rispettivi territori. Grazie ai fondi europei formazione dei docenti continuativa e il potenziamento del progetto scuola 4.0 con ristrutturazioni di aule e laboratori. La disponibilità per la Sanità raddoppia nel Recovery Plan arrivando a quota 18,1 miliardi complessivi rispetto ai 9 previsti inizialmente. Le novità riguardano 7,5 miliardi per il territorio e la telemedicina, altri 10 miliardi per innovazione e digitalizzazione con  attenzione all’edilizia ospedaliera e alle nuove apparecchiature mediche. Rimane la possibilità  del MES per potenziare la disponibilità delle risorse, un pacchetto che varrebbe per l’Italia altri 36 miliardi."

Infine ... la semplificazione fiscale

"Il 2021 rischia di essere un anno particolarmente complesso, dal momento che alle cartelle di quest’anno si sommano quelle dei rinvii dello scorso anno. Si procede dunque sulla strada della semplificazione fiscale e della collaborazione con i contribuenti in uno scenario sempre più difficile dovuto al Covid. Due sono le iniziative in cantiere. La prima è importante e necessaria. Si tratta del mini rinvio al 31 gennaio per le notifiche e i termini di versamento delle cartelle per consentire di definire misure adatte per evitare la congestione di milioni di atti fiscali. La seconda  riguarda l’inserimento di misure integrative nel Decreto Ristori 5 : è prevista una nuova rottamazione per permettere ai contribuenti di regolare i conti con il fisco senza aggravio di sanzioni e di interessi di mora, riferito agli anni di imposta 2018 e 2019.

Le misure, oltre ad evitare un empasse per gli adempimenti, verrebbero incontro ad una questione anche sociale, connessa alle difficoltà economiche che hanno colpito il Paese. Si tenta così di risolvere anche il problema degli assembramenti negli uffici pubblici con i conseguenti rischi sanitari. Questi i progetti messi in campo nella Manovra di Bilancio già approvata, gli altri dovranno essere affinati, precisati, integrati per poi essere portati in Parlamento ed essere discussi con le forze intermedie e i sindacati ed è questa per noi una grande opportunità da non sprecare."

Commenti
    Tags:
    aggiornamento economicomanovra di bilanciorecovery plancartelle fiscalialessia potecchitrendiest news
    in evidenza
    House of Gucci, guarda il trailer Jared Leto irriconoscibile. FOTO

    Lady Gaga guida un cast stellare

    House of Gucci, guarda il trailer
    Jared Leto irriconoscibile. FOTO

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

    BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.