I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
Recovery fund è una sconfitta: così l’Italia perde anche la sovranità politica

Vi spiego, telegraficamente, perché quella del Recovery Fund è una sconfitta e anche alquanto grave. L’inghippo non sta tanto nella quantità di soldi avuti in prestito. Che, anzi, verosimilmente è un ottimo risultato, per non dire il meglio che si potesse ottenere.

Il problema sta altrove ed è da ravvisarsi nella modalità di funzionamento del Recovery Fund. In specie, se si considera che è stata introdotta la norma del “freno d’emergenza”: norma in grazia della quale ciascun Paese – compresa l’arcigna Olanda, il paradiso fiscale che ha giurato odio all’Italia – può opporsi di volta in volta, ove i soldi del prestito vengano utilizzati in modo giudicato illegittimo.

Cosa significa, in concreto? 1) Che, ovviamente, non sono soldi donati, ma prestati: che, dunque, chiedono di essere restituiti con condizioni precise; 2) che l’Italia disporrà di quei danari, ma dovrà impiegarli attuando riforme che rispettino le linee-guida della governance UE e dei suoi tecnici.

Ciò determina due conseguenze, che non debbono sfuggire: 1) che l’Italia, già privata della sua sovranità economica e monetaria (cfr. euro), perde ora la sua sovranità politica. Infatti, le riforme per l’Italia non verranno più, de facto, decise dal parlamento democraticamente eletto a Roma, ma dalla giunta dei tecnici non eletti di Bruxelles. Si tratta – è bene saperlo – di un’ulteriore picconata assestata contro la già periclitante democrazia in Europa: sempre più il potere si trasla dai parlamenti democratici nazionali ai consigli di amministrazione post-nazionali e ai comitati tecnici non eletti.

2) Il Recovery Fund, mutato nomine, è sotto molto profili un MES mascherato: l’ha, peraltro, ammesso lo stesso Federico Fubini sul “Corriere della Sera”, non certo sospettabile di euroscetticismo. Fubini ha sostenuto che, come il MES (e forse anche più), il Recovery Fund richiede riforme “molto precise. E vigilate da vicino”. Più chiaro di così.

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

Loading...
Commenti
    Tags:
    diego fusarolampi del pensierorecovery fundrecovery fund sconfittasovranità economicasovranità politicaeuropaeuro
    Loading...
    in evidenza
    Canalis, la lingerie è da infarto Eli sensualissima sul letto. Le foto

    Diletta, Belen e... Le foto delle vip

    Canalis, la lingerie è da infarto
    Eli sensualissima sul letto. Le foto

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 5: GREGORACI-PRETELLI, DIRTY DANCING. E GARKO...

    Grande Fratello Vip 5: GREGORACI-PRETELLI, DIRTY DANCING. E GARKO...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Ford ST, il graffio di Ford arriva anche in Europa

    Nuova Ford ST, il graffio di Ford arriva anche in Europa


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.