I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Startup che volano
inPrimis: le notizie in audio per non perdere tempo al mattino

Tra le startup che stanno per volare con Global Startup Program a Londra c'è anche inPrimis (https://inprimis.today), un podcast audio che la mattina alle 7 dei giorni feriali permette di ascoltare le notizie in breve, le prime pagine dei quotidiani principali, e una serie di rubriche di approfondimento di massimo due minuti. Pensato per essere ascoltato durante il caffè della colazione o mentre ci si muove verso il lavoro, inPrimis si adatta ai ritmi delle città metropolitane che non lasciano il tempo di leggere i giornali; un'informazione non decisa da algoritmi (per ora), in grado di non obbligare a tenere gli occhi fissi su uno schermo, non far perdere tempo rincorrendo titoli link Click-bait (pensati per essere cliccati, ma senza offrire un gran contenuto) o a modelli di business che con la pubblicità infastidiscono troppo l'utente. Fin da subito è stato immaginato per essere fruito da smartphone. Inizialmente è stato offerto come messaggio vocale su WhatsApp e Telegram, strumenti che ancora oggi vengono usati per le notifiche quotidiane (https://inprimis.today/pagina/iscriviti-alle-notifiche), poi sono arrivate app  (https://inprimis.today/pagina/inprimis-app) e il sito pensato principalmente per il mobile.

I  vantaggi di inPrimis  

Rispetto alle radio tradizionali, offre la possibilità di scegliere quali notizie, giornali o rubriche non ascoltare. Per quanto riguarda la pubblicità, il suo inserimento è studiato per essere poco invasivo e non arrecare disturbo all’ascoltatore; e se si è dimenticato di quale brand offrisse un caffè in cambio del download della propria app, c'è il banner a ricordarlo (anche in modalità remarketing): un aggancio visuale, come tutte le campagne radiofoniche che si rispettino, e misurabile, come nessuno può fare.   

Perché Londra

"A Londra ci andiamo perché siamo una startup di contenuti audio che vogliono interagire con l'ascoltatore, e in Italia l'uso degli smart devices è ancora una nicchia di mercato troppo piccola" ha dichiarato Francesco Zambelli, direttore della testata giornalistica e fondatore di inPrimis. 

"Abbiamo già skill per Alexa (https://www.amazon.it/inPrimis/dp/B07PNBJ8NG) e Google Home , oltre che Spotify e altri player, ma vogliamo arrivare ad offrire una vera interazione con le notizie, skippando quelle che non interessano. Se il tempo è poco, anche l'utente di Alexa vuole non ascoltare quello che già è di sua conoscenza. Quindi lavorare per avere una versione ad interazione vocale per noi è la naturale evoluzione di quello che sarà il mondo dell'informazione nei prossimi anni, e lo vogliamo fare in un paese il 25% della popolazione, secondo le previsioni, possiederà uno smart device alla fine del 2019".

Commenti
    Tags:
    startupstartup e innovazionestartup in italia
    in evidenza
    Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

    Paparazzati in un hotel di lusso

    Casaleggio-Sabatini, che coppia
    Mano nella mano in dolce attesa

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

    Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo


    casa, immobiliare
    motori
    DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

    DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.