I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Startup che volano
inPrimis: le notizie in audio per non perdere tempo al mattino

Tra le startup che stanno per volare con Global Startup Program a Londra c'è anche inPrimis (https://inprimis.today), un podcast audio che la mattina alle 7 dei giorni feriali permette di ascoltare le notizie in breve, le prime pagine dei quotidiani principali, e una serie di rubriche di approfondimento di massimo due minuti. Pensato per essere ascoltato durante il caffè della colazione o mentre ci si muove verso il lavoro, inPrimis si adatta ai ritmi delle città metropolitane che non lasciano il tempo di leggere i giornali; un'informazione non decisa da algoritmi (per ora), in grado di non obbligare a tenere gli occhi fissi su uno schermo, non far perdere tempo rincorrendo titoli link Click-bait (pensati per essere cliccati, ma senza offrire un gran contenuto) o a modelli di business che con la pubblicità infastidiscono troppo l'utente. Fin da subito è stato immaginato per essere fruito da smartphone. Inizialmente è stato offerto come messaggio vocale su WhatsApp e Telegram, strumenti che ancora oggi vengono usati per le notifiche quotidiane (https://inprimis.today/pagina/iscriviti-alle-notifiche), poi sono arrivate app  (https://inprimis.today/pagina/inprimis-app) e il sito pensato principalmente per il mobile.

I  vantaggi di inPrimis  

Rispetto alle radio tradizionali, offre la possibilità di scegliere quali notizie, giornali o rubriche non ascoltare. Per quanto riguarda la pubblicità, il suo inserimento è studiato per essere poco invasivo e non arrecare disturbo all’ascoltatore; e se si è dimenticato di quale brand offrisse un caffè in cambio del download della propria app, c'è il banner a ricordarlo (anche in modalità remarketing): un aggancio visuale, come tutte le campagne radiofoniche che si rispettino, e misurabile, come nessuno può fare.   

Perché Londra

"A Londra ci andiamo perché siamo una startup di contenuti audio che vogliono interagire con l'ascoltatore, e in Italia l'uso degli smart devices è ancora una nicchia di mercato troppo piccola" ha dichiarato Francesco Zambelli, direttore della testata giornalistica e fondatore di inPrimis. 

"Abbiamo già skill per Alexa (https://www.amazon.it/inPrimis/dp/B07PNBJ8NG) e Google Home , oltre che Spotify e altri player, ma vogliamo arrivare ad offrire una vera interazione con le notizie, skippando quelle che non interessano. Se il tempo è poco, anche l'utente di Alexa vuole non ascoltare quello che già è di sua conoscenza. Quindi lavorare per avere una versione ad interazione vocale per noi è la naturale evoluzione di quello che sarà il mondo dell'informazione nei prossimi anni, e lo vogliamo fare in un paese il 25% della popolazione, secondo le previsioni, possiederà uno smart device alla fine del 2019".

Commenti
    Tags:
    startupstartup e innovazionestartup in italia
    in evidenza
    Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

    Tra mobilità e sostenibilità

    Automotive, da ALD la svolta
    Arrivano nuove soluzioni green

    
    in vetrina
    Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

    Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


    motori
    Nuova smart #1,il domani è già arrivato

    Nuova smart #1,il domani è già arrivato

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.