I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Io Uomo tu Robot
Toyota T-HR3 il nuovo robot umanoide comandato a distanza

La tecnologia e la ricerca robotica avanzata, in particolare quella umanoide, sono oggi in Giappone in continua evoluzione ed hanno un ruolo sempre più̀ significativo sia in ambiti sociali al servizio dell’uomo, in particolare nel campo dell’interazione tra uomo e robot, nelle architetture cognitive emozionali, che lavorativi.

Il Giappone è oggi un Paese ad alto invecchiamento dove un quarto della popolazione ha più di 65 anni e milioni di anziani vivono da soli. La società giapponese è consapevole che in un futuro non lontano dovrà garantire alla popolazione più anziana un necessario supporto alle esigenze della vita quotidiana.

Un accurato servizio della Cnn, realizzato attraverso le più importanti società del settore dell’automazione, ha colto un evidente impulso della ricerca tecnologica giapponese per l’innovazione affinché gli automi possano entrare nella realtà di tutti i giorni per integrarsi in modo collaborativo con le persone ed il Giappone ha l’obiettivo di voler diventare una “Robot Nation” entro il 2020.

Secondo Hiroshi Ishiguro, professore all’università di Osaka ed uno dei protagonisti principali del campo dei robot umanoidi, ciò che distingue, nella robotica umanoide, l’Occidente dai Paesi del Sol levante è una questione essenzialmente culturale.

Mentre in Occidente tendiamo a non personalizzare gli automi, nella cultura giapponese invece, anche gli oggetti possiedono un'anima e lo spiritualismo orientale è più portato a riconoscere come vitale un oggetto per sua natura inorganico  ed in tal senso un robot umanoide ha tutte le potenzialità per essere accettato come un nuovo soggetto sociale.

Tra i grandi protagonisti della ricerca tecnologica e l’innovazione del settore ci sono le Case automobilistiche.

Toyota, la casa giapponese nota in tutto il mondo per la produzione automobilistica, si occupa anche di programmi di ricerca nei settori dell’intelligenza artificiale e della robotica umanoide con un’attenzione ai problemi legati ad una popolazione che sempre più invecchia e che può trovare validi assistenti nei robot umanoidi.

Il robot umanoide T-HR3

T-HR3 è Il prototipo di robot umanoide di terza generazione progettato e sviluppato dalla Partner Robot Division di Toyota e presentato per la prima volta un anno fa a International Robot Exhibition 2017 e in quella occasione poteva essere controllato soltanto con una connessione via cavo. Attraverso un test di laboratorio, Ntt Docomo, operatore telefonico giapponese e Toyota, sfruttando la connessione 5G (determinante per ottenere una bassa latenza) sono oggi in grado di controllare in remoto l’androide T-HR3 a una distanza massima di 10 chilometri. La bassa latenza risulta determinante indicando dei tempi di risposta decisamente ridotti tra momento in cui viene dato il comando e quando lo stesso viene eseguito.

Sorprende la precisione ed accuratezza del robot che è capace di replicare i movimenti dell’operatore che lo comanda da remoto sfruttando la tecnologia “Mastering Maneuvering System”, una grande sedia dotata di braccia mobili e numerosi sensori ed il tutto senza l’utilizzo di cavi, ma sfruttando le reti 5G.

Grazie ai sensori collegati a un software avanzato il robot funziona sfruttando la mappatura da parte dei controlli indossati dall’operatore, con un visore che mostra le immagini dalla prospettiva del robot. In una nota l’azienda ha reso noto che “ i motori, i riduttori e i sensori di coppia montati sul T-HR3 e sul Master Maneuvering System (denominati complessivamente Torque Servo Module) sono collegati ad ogni singola articolazione. Questi moduli comunicano i movimenti dell’operatore direttamente alle 29 parti che compongono il corpo dell’automa e ai 16 sistemi di controllo del Master Maneuvering System per garantire movimenti sincronizzati”.

T-HR3 primo passo verso gli automi per l'assistenza agli umani

Le applicazioni del robot Toyota trova spazio nella quotidianità e l’obiettivo dei ricercatori è orientato alla realizzazione di androidi in grado di assistere la popolazione giapponese nei diversi aspetti della vita quotidiana e dell’assistenza domestica e per chi ha problemi di mobilità.

 “Il nostro impegno è quello di utilizzare la tecnologia di T-HR3 per la progettazione di robot che siano di aiuto agli esseri umani e che li assistano nelle loro attività quotidiane. Le tecnologie sviluppate per questa piattaforma serviranno in futuro per la creazione di robot capaci di assicurare una mobilità migliore, per tutti" ha dichiarato Akifumi Tamaoki, General Manager della Partner Robot Division.

Per altre applicazioni, e come riporta una nota ufficiale, “in ambienti diversi, dalle mura domestiche alle strutture ospedaliere, nei cantieri edilizi, nelle zone colpite da disastri e addirittura nello spazio”.     

Commenti
    Tags:
    robot umanoidiinterazione uomo-robot
    in evidenza
    Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

    Paparazzati in un hotel di lusso

    Casaleggio-Sabatini, che coppia
    Mano nella mano in dolce attesa

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

    Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo


    casa, immobiliare
    motori
    DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

    DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.