A- A+
Costume
Il Ristorante Stendhal festeggia 35 anni di tradizione e cultura milanese
Ossobuco in gremolada con risotto alla milanese

Il Ristorante Stendhal festeggia 35 anni di tradizione

Stendhal, il ristorante dall’animo milanese nel cuore di Brera - in via Ancona 1 all’angolo con via San Marco - festeggia i suoi primi 35 anni di attività.

Un traguardo importante per questa insegna storica di Milano che vede a capo del team l’imprenditore milanese Marcello Forti.

Proprio come il celebre letterato francese, ricordato come uno dei più grandi amanti del capoluogo lombardo e colui che ne ha tessuto le lodi per bellezza artistica e per le ricchezze culinarie, Stendhal è un vero e proprio omaggio a Milano e alla cucina del territorio. Caratterizzata dai piatti iconici - come il classico risotto “giallo” con ossobuco o i tipici mondeghili, fino alla cotoletta - affiancati a ricette che sanno accontentare un pubblico eterogeneo e variegato, l’offerta di Stendhal si propone non solo come tributo alla tradizione culinaria della città, ma sa essere estremamente contemporanea e trasversale, con rivisitazioni dedicate a un pubblico di ogni genere, anche internazionale. Un’ampia selezione di vini, con una carta che comprende etichette di provenienza prettamente italiana e con alcune referenze d’oltralpe, completa il menù. Presente, per la parte beverage, una drink list d’eccezione, con cocktail esclusivi firmati dal bartender del ristorante.

Stendhal è una realtà elegante e tradizionale, in cui si respira la storicità della grande Milano, ma contestualizzata alla modernità del giorno d’oggi: “tradizionalmente contemporanea”.

Stendhal Sala interna
 

La cucina di Stendhal

Da 35 anni Stendhal delizia i cittadini milanesi con un menù ispirato alla tradizione gastronomica meneghina più autentica. Tra i piatti più rappresentativi del locale troviamo i cosiddetti Intoccabili Stendhal: i Mondeghili tradizionali, con verza in due consistenze e ristretto di vitello, Il riso al salto con fonduta di Silter o Il risotto “giallo” Milano, il classico risotto con zafferano. E ancora Il tonnarello verde Stendhal, al ragù bianco di vitella con olio tartufato, l’iconico Ossobuco in gremolada con risotto alla milanese e la Milanese di vitello alta di Stendhal, l’iconica cotoletta. Non manca anche la possibilità di un menù degustazione di 4 portate, che racchiude un viaggio nei piatti simbolo della tradizione: mondeghili, ossobuco, gorgonzola al cucchiaio con fichi secchi, noci e pane tostato e per concludere un dolce. Ma Stendhal non si limita solo alla cucina locale. Proprio nell’ottica di realizzare un’offerta di più ampio respiro e al passo coi tempi, che sappia incontrare i gusti di una clientela milanese sempre più eterogenea, troviamo piatti contraddistinti da una selezione esclusiva della materia prima, come la bresaola di Wagyu italiano, proveniente da un produttore lodigiano, lo Spaghettone Verrigni trafilato oro al pomodoro con pomodoro pelato dell’azienda agricola del Paglione, Reggiano, basilico e aglio rosso o il Trancio di salmone selvaggio delle isola Faroe, un’eccellenza del pescato internazionale, il tutto accompagnato dal pane del Panificio Longoni. Immancabile anche una selezione per la clientela vegetariana, con piatti più “green” che strizzano l’occhio sempre alla grande Milano. Troveremo quindi i mondeghili vegetariani di Stendhal, la Polenta morbida mantecata al Casera o la Caponata di funghi melanzane e mandorle. Il menù di Stendhal è inoltre disponibile nella formula delivery con Cosaporto e Mymenù, per dare la possibilità di gustare i piatti del ristorante nella comodità di casa propria.

Stendhal Mondeghili di Stendhal, verza in due consistenze e ristretto di vitelloMondeghili di Stendhal, verza in due consistenze e ristretto di vitello
 

Ristorante Stendhal, il locale

Il locale si presenta all’esterno con tre ampie vetrate che lasciano scorgere il carattere di questo luogo, in cui il colore verde è predominante. Il ristorante è strutturato da due ampie sale interne, ciascuna di una ventina di coperti circa, in cui spiccano alcuni oggetti d’epoca che sottolineano la storicità del locale e i richiami alla grande Milano. Nella sala principale il bancone bar si snoda lungo tutto il lato sinistro, mentre all’esterno troviamo uno spazio che viene utilizzato sia nella bella stagione, per godere del clima durante un  pranzo o una cena all’aperto, sia nei periodi invernali trasformandosi nell’elegante Giardino d’inverno. Una serra, particolarità esclusiva di Stendhal, con un’atmosfera sofisticata, disponibile anche su prenotazione per eventi privati.

Stendhal Il vitello tonnato di Stendhal©Il vitello tonnato di Stendhal
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ristorantestendhal





in evidenza
Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

Ultimi scatti prima dello schianto

Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage


in vetrina
Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire

Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire

motori
Škoda nuova Octavia: nuovo design, tecnologia AI e motori efficienti

Škoda nuova Octavia: nuovo design, tecnologia AI e motori efficienti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.