A- A+
Costume
Weinstein, Asia Argento: regista italiano a 16 anni mi molestò
Foto Instagram

"#quellavoltache un regista/attore italiano tirò fuori il suo pene quando avevo 16 anni nella sue roulotte mentre parlavamo del "personaggio"". Lo ha scritto ieri sera Asia Argento su twitter rispondendo alla catena di solidarietà dell'hastag #quellavoltache, in seguito alla sua denuncia di essere stata violentata dal produttore Usa Weinstein. Lo ripete Asia Argento, "questo è il momento di parlare non di minimizzare".

 

Weinstein: Asia Argento, mangiata dall'orco e tradita dalle donne

 

"Perche' non ho denunciato prima? Tenevo troppo alla mia carriera" e "Harvey Weinstein era il terzo uomo piu' potente di Hollywood". Cosi' Asia Argento torna, dalle pagine de La Stampa, sulle accuse al produttore cinematografico di averla violenta; e rivela che gli stupri furono due. Poi aggiunge che la cosa che l'ha piu' ferita, dopo la sua denuncia, sono state "le accuse delle donne italiane, la criminalizzazione delle vittime delle violenze". "Non ho ricevuto nessuna critica per il mio comportamento in nessun altro Paese. Ci sono amici che mi mandano articoli usciti in tutto il mondo, in cui nessuno si permette di fare 'victim blaming', colpevolizzare le vittime. Nessuno all'estero. E guardi invece che cosa stanno facendo in Italia contro noi vittime".

 

Weinstein, Bongiorno: Asia Argento? Situazione italiana scandalosa

 

"La situazione italiana e' scandalosa". Lo sostiene Giulia Bongiorno, avvocato ed ex deputata, che si indigna per l'ondata di critiche piovute su Asia Argento 'rea' di aver denunciato solo dopo molti anni la violenza sessuale da parte Harvey Weinstein, l'oramai ex potente produttore cinematografico protagonista del caso di molestie sessuali che sta sconvolgendo Hollywood. "Quello che sta accadendo in Italia - spiega la Bongiorno a Sky Tg24 - documenta un modo di pensare preoccupante. Asia - premette - non mi fa per nulla simpatia anzi alcune sue provocazioni mi infastidiscono ma ora - sottolinea - e' giudicata per il suo modo di essere e non per quello che e' accaduto. Esiste un documento di un suo malessere all'epoca dei fatti della violenza subita. Questo significa che visse con malessere quell'esperienza. Il fatto che non presento' denuncia non vuol dire poterla imputare di una qualsiasi colpevolezza. La linea di confine e' l'autoderminazione della donna: se una donna fa sesso e si concede per uno scopo, un tornaconto c'e' il reato di prostituzione, se lo subisce non e' debolezza ma violenza sessuale".

 

Quindi l'invito della Bongiorno "a tutte le donne e' di denunciare qualsiasi violenza subita" e di non curarsi dei ritardi, dei tempi, "non farlo - aggiunge - e' rendersi complici" di un fenomeno inaccettabile.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
weinsteinasia argentomolestie sessuali
in evidenza
Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

Scatti d'Affari

Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

i più visti
in vetrina
Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone

Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone


casa, immobiliare
motori
Nuova Range Rover, arriva la versione plug-in con un autonomia fino a 113 km

Nuova Range Rover, arriva la versione plug-in con un autonomia fino a 113 km


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.