A- A+
Cronache
Ancona, uccide la moglie a coltellate: è giallo sul braccialetto elettronico

Ancona, uccide la moglie con 15 coltellate: "Il braccialetto elettronico non ha funzionato"

Il gip del tribunale di Ancona, Sonia Piermartini, ha convalidato il fermo e la detenzione in carcere di Franco Panariello, reo confesso dell’omicidio con 15 coltellate della moglie, Concetta Marruocco, dalla quale si stava separando. L’operaio di Torre del Greco è accusato di omicidio volontario pluriaggravato dalla premeditazione, dai futili motivi e dal rapporto di parentela. Il pm Paolo Gubinelli sta anche valutando altre aggravanti legate a maltrattamenti in famiglia e all’aver commesso l’omicidio alla presenza della figlia sedicenne. La procura di Ancona ha affidato oggi l’autopsia sul corpo della vittima al medico legale Francesco Busardo.

LEGGI ANCHE: Ancona: ha il braccialetto elettronico ma uccide la moglie con 15 coltellate

Concetta aveva denunciato il marito dopo venti anni di violenze e abusi: per lui era intervenuto un divieto di avvicinamento a meno di 200 metri e il braccialetto elettronico. Che però, riporta il Corriere della Sera, non ha funzionato. E non avrebbero funzionato neanche i due dispositivi collegati al braccialetto che avevano Concetta e la figlia. O meglio dei due se ne sarebbe attivato solo uno, ma quando l’uomo era già in casa loro. "I dispositivi sono stati sequestrati ed attendiamo l’esito degli accertamenti tecnici — dicono gli inquirenti —. Alle forze dell’ordine comunque non è arrivato alcun alert". Dopo l’arresto, Franco Panariello il braccialetto lo aveva alla caviglia. Quindi se non se n’è disfatto restano in piedi solo le ipotesi di un guasto o della manomissione.

Come era già successo. Panariello è entrato in casa della moglie con una copia delle chiavi. "L’ho trovata per caso alcuni giorni fa", ha detto dopo l’arresto. Eppure i segnali di quanto fosse pericolosa e concreta la minaccia per la donna c’erano tutti. Basta leggere l’ordinanza che ha disposto il divieto di avvicinamento. Le violenze erano iniziate nel 2004 "quando per futili motivi la prendeva per il collo e le sbatteva la testa contro la parete e lei, per sottrarsi, era costretta a fuggire nella caserma dei carabinieri". Più volte poi "la picchiava in presenza della figlia e di altri familiari".E poi le violenze sessuali e i maltrattamenti ai figli. Lei aveva sopportato per venti, lunghi anni. Ma a inizio 2023 aveva trovato il coraggio di dire basta.

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
La rivoluzione di Spalletti: 4 cambi in formazione (e un dubbio...)

Italia-Croazia

La rivoluzione di Spalletti: 4 cambi in formazione (e un dubbio...)


in vetrina
Estate 2024, Fs rafforza i treni turistici: sulla linea tre nuove destinazioni

Estate 2024, Fs rafforza i treni turistici: sulla linea tre nuove destinazioni





motori
Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.