A- A+
Cronache
Animali maltrattati, "la tolleranza è finita": lo Stato sia inflessibile

Animali maltrattati, le leggi attuali non sono sufficienti. L'opinione dell'avvocato Giada Bernandi, in prima linea per la difesa dei loro diritti

"Chi si macchia di reati orrendi nei confronti degli animali è un soggetto socialmente pericoloso a prescindere dall’età. Ci vuole un intervento delle istituzioni, che troppo spesso sono assenti o inerti. La tolleranza e finita".

Non usa mezze misure, Giada Bernardi, avvocato del foro di Roma che dal 97 è in prima linea a difesa dei diritti degli animali, che al suo attivo ha decine di procedimenti e un impegno civile che prosegue interminabile da anni: "questi comportamenti rivelano una deriva morale preoccupante: e ci stupiamo degli stupri di gruppo e di episodi come quelli di Palermo? Mancano le famiglie, manca un codice morale. Una società che per divertirsi uccide è una società che va alla deriva".

Leggi anche: Cani maltrattati e denutriti: un uomo condannato a 4 mesi. Oipa: “Pena lieve”

Di fronte agli ultimi casi di violenze gratuite, Bernardi è sconcertata. Il suo Studio Legale GiustiziaAnimale fa una decina di denunce ogni mese “ma se necessario siamo strutturati per farne centinaia.

"Tanta gente si rivela sempre più sensibile, i tribunali stanno riconoscendo anche il danno biologico in conseguenza di denunce: ad esempio, è accaduto a carico di una pensione per animali di Torino in cui una ragazza aveva lasciato il proprio bull terrier, ritrovandolo ferito e vedendosi costretta ad amputare la falange -prosegue l’avvocato Bernardi- Qui le è stato riconosciuto non solo il danno biologico, ma altresì quello morale, ovvero il dolore e la sofferenza patiti per un essere che si ama”.

La magistratura, perciò, si muove verso una direzione di maggiore sensibilità, anche se “nel caso delle pensioni si applica la stessa normativa del codice civile in materia di deposito”. Gli animali sono ancora considerati alla stregua di oggetti, le pene sono irrisorie, per un maltrattamento si rischia dai 3 ai 18 mesi, per uccisione dai 4 ai 24 mesi. 1 anno e 6 mesi per l’uomo che uccise la segugia Olga a calci. Qualcosa però inizia a muoversi.

Leggi anche: Roma, bocconi avvelenati contro i cani nel parco del Quarticciolo

“Dopo 5 anni di processo, il responsabile di aver ucciso a calci la segugia Olga, che si era avvicinata al suo bullmastiff di 50 chili ha preso 1 anno e 6 mesi di carcere. Questa è una pietra miliare, un precedente importantissimo”. Ci si interroga, su questa ondata di violenza gratuita.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
animali maltrattaticrudeltà contro gli animali
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni

Così è rinato il tennista azzurro

Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.