A- A+
Cronache
Armi alla Colombia, Il video che incastra D'Alema: "Parte italiana pronta"

Armi alla Colombia, gli M346 e le corvette: era quasi tutto fatto ma...

Massimo D'Alema e Alessandro Profumo (insieme ad altre sei persone), sono stati iscritti nel registro degli indagati, l'accusa a carico dell'ex presidente del Consiglio ed ex amministratore delegato di Leonardo è grave: corruzione internazionale. Una provvigione da 80 milioni di euro. Da dividere. Questo cercano - si legge sul Corriere della Sera - gli inquirenti nell’inchiesta sulla vendita di navi e aerei militari alla Colombia. L’indagine ruota intorno a presunti illeciti legati a due compravendite alla Colombia di aerei M346 e di corvette e sommergibili prodotti da società italiane con partecipazione pubblica. Come appunto Leonardo e Fincantieri.

Il blitz di ieri. Sono entrati all’alba nelle case e negli uffici di manager e politici indagati e hanno portato via documenti, telefonini, computer alla ricerca di prove su quella "mediazione" che poteva portare alla "parte italiana" una provvigione da quaranta milioni di euro. È questa — dicono i pubblici ministeri napoletani — la ricompensa che sarebbe toccata a Massimo D’Alema e agli altri intermediari se il governo colombiano avesse acquistato le navi, gli aerei e gli elicotteri.

Leggi anche: Profumo e D'Alema indagati dalla procura di Napoli per il caso-Colombia

Leggi anche: Aziende all'estero, le consulenze di "Baffino" D'Alema fanno flop

L’indagine fu avviata quando si scoprì che esisteva la registrazione di una riunione nella quale proprio D’Alema parlava della compravendita e affermava: "La parte italiana è quasi pronta, abbiamo preparato le offerte e abbiamo ottenuto la copertura assicurativa per il piano finanziario". Quella registrazione — effettuata da uno dei partecipanti senza informare gli altri — mandò su tutte le furie D’Alema, che ne chiese il sequestro al Garante della privacy dopo la pubblicazione sul quotidiano La Verità, senza però riuscire ad ottenerlo.

La corruzione - prosegue il Corriere - viene contestata in forma aggravata in quanto il reato sarebbe stato commesso, secondo l’accusa, con il coinvolgimento di un gruppo criminale organizzato transnazionale attivo tra Italia, Usa, Colombia e anche in altri Stati. I fatti contestati, accertati a Napoli, dalla terza sezione della Procura partenopea risalgono a una data prossima al 27 gennaio 2022. La commessa in totale aveva un valore di 4 miliardi di euro. La presunta tangente da 80 milioni era da suddividere tra la componente italiana e quella colombiana. Della quale farebbero parte anche importanti personaggi politici tra i quali il ministro degli esteri e vice presidente Marta Lucia Ramirez. Gli inquirenti ritengono che D’Alema avrebbe svolto il ruolo di mediatore informale con i vertici delle società italiane.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
armi colombiamassimo d'alema
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Ferragni-Fedez, ritorno di fiamma? "Chiara mi ha detto che..."

Rumor

Ferragni-Fedez, ritorno di fiamma? "Chiara mi ha detto che..."


in vetrina
Tennis/ Sinner, nuovo numero uno al mondo? La bella Anna è in tribuna per lui

Tennis/ Sinner, nuovo numero uno al mondo? La bella Anna è in tribuna per lui





motori
Lamborghini trionfa al Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2024

Lamborghini trionfa al Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.