A- A+
Cronache
Esclusivo/ Ruffino, una fonte ad Affari: "Serve guardare ancora in Visibilia"
Daniela Santanchè  e Luca Ruffino

Suicidio Ruffino, un amico ad Affari: "Scavare nella 'grana' Visibilia"

Che cosa ha spinto Luca Giuseppe Reale Ruffino, l'imprenditore morto suicida lo scorso sabato, a compiere l'estremo gesto? Sono in molti a domandarselo. Nel pomeriggio di oggi 8 agosto sono stati sentiti nel pomeriggio in questura a Milano i due figli e la compagna. Tutti, a quanto si è appreso, avrebbero riferito di aver sentito e visto sottotono l’uomo nell’ultima settimana; uno stato d’animo che non avrebbe suscitato particolari preoccupazione in quanto Ruffino aveva passato momenti simili già in passato.

Ma c'è una pista in più: Affaritaliani.it, infatti, ha avuto la possibilità di mettersi in contatto con una fonte che lo conosceva bene, e che, per questo, preferisce restare anonima. L'uomo ha avuto a che fare con Ruffino per moltissimi anni nell’ambito dell’amministrazione condominiale. “Nulla faceva pensare a una malattia o a un gesto estremo – rivela ad Affari l'amico di Ruffino - Il resto sono supposizioni e congetture che ognuno può fare. Io guarderei ad esempio a cosa è ancora nascosto nella grana Visibilia. Se ci fosse qualcosa di più e di nuovo si sarebbe trovato chiuso in un dilemma. L’ultima cosa che penso avrebbe voluto era di essere nuovamente coinvolto in problemi giudiziari”. E aggiunge: “L’ho conosciuto 30 anni fa perché curava la manutenzione di alcuni immobili; nell’ultimo anno i contatti si sono intensificati per ipotesi di business a cui era interessato. Per quanto mi riguarda era una persona seria, professionale e corretta”.

LEGGI ANCHE: Ruffino, chi lo conosceva: “Era malato di tumore". La famiglia chiede silenzio

Inevitabile rievocare, dunque, il calvario che aveva coinvolto l’amministratore condominiale di San Felice, assolto in Cassazione dopo sette anni dall’accusa di finanziamento illecito ai partiti. Il manager milanese era rimasto coinvolto nell’inchiesta Aler su presunte irregolarità nella gestione degli appalti dell’azienda. Una vicenda che l’aveva segnato nel profondo; un incubo che – anche solo indirettamente – avrebbe forse potuto riproporsi, questa volta a causa delle indagini che vedono coinvolta la società di cui era diventato presidente, Visibilia Editore.

LEGGI ANCHE: Ruffino, Meluzzi: “I suicidi dei manager sono spesso omicidi mascherati"

Iscriviti alla newsletter
Tags:
morteruffinosantanchèsuicidiovisibilia
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa

Forti tensioni a Palazzo

William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.