A- A+
Cronache
Cecchettin, Ceretti: "Turetta non è un mostro. In famiglia non nascono killer"
Filippo Turetta

Giulia Cecchettin, il criminologo Ceretti: "Turetta non è un mostro. La famiglia non determina la creazione di un killer"

Filippo Turetta è un mostro”. “Filippo Turetta è figlio del patriarcato”. “Filippo Turetta è…”. Non si fa che parlare dell’unico imputato per l’omicidio di Giulia Cecchettin, la 22enne di Vigonovo uccisa la sera di sabato 11 novembre. Il “bravo ragazzo” della porta accanto che avrebbe inferto oltre venti coltellate all’ex fidanzata, in un’aggressione “dalla ferocia inaudita” – come sottolineato dall’ordinanza del gip di Venezia. Il sentore collettivo, e più in particolare il movimento femminista, si è scagliato contro il sistema educativo, il Governo, la famiglia di Turetta, alla ricerca spasmodica di una causa, anzi DELLA causa che abbia portato il 22enne a commettere l’efferato crimine. Ma esiste davvero UNA causa per quanto accaduto? E si può davvero imputare all’esterno?

LEGGI ANCHE: Elena: "Giulia uccisa dallo Stato. Filippo mostro? No, figlio del patriarcato"

LEGGI ANCHE: Impagniatello e giustizia riparativa, "potrà incontrare i genitori di Giulia"

Affaritaliani.it ha voluto alzare gli occhi da quel "dito puntato" e ne ha parlato con Adolfo Ceretti, professore ordinario di Criminologia all'Università degli Studi di Milano-Bicocca, e coordinatore scientifico dell’Ufficio di mediazione penale di Milano.

Professore, che cosa ne pensa delle “sentenze” già scritte su Turetta?

Si tratta di semplificazioni necessarie per far abbassare il nostro livello di angoscia di fronte a fatti che in questo momento non sono spiegabili. Si tira nel mucchio, così che ogni riposta può essere valida oppure stupida. Non si può in quattro e quattr’otto cercare delle risposte sensate. Non conosciamo nulla di questo ragazzo, bisogna essere prudenti e, come dicevo, pazienti. Aspettiamo di capire come si è formato il mondo interno del signor Filippo Turetta.

Quindi è d’accordo con il procuratore Bruno Cherchi, lo stesso che ha dichiarato: “Il clima non mi piace, vanno garantiti i diritti e frenate le emozioni”

Esattamente, bisogna avere la pazienza ogni volta di tornare a usare tutti gli strumenti che abbiamo per conoscere prima il fatto poi la persona, necessariamente anche attraverso una perizia psichiatrica.

Ipotizza già la possibilità di un percorso di giustizia riparativa per Turetta? La famiglia di Giulia Cecchettin si è dimostrata divisa nelle reazioni…

Per la giustizia riparativa non c’è fretta. Si potrà fare eventualmente anche in fase esecutiva, sempre che il signor Turretta venga  condannato.

Ma è vero che la responsabilità sta tutta nella famiglia, di come è stato cresciuto, del “sistema”?

È chiaro che il sistema socio-cultutale di appartenenza orienta almeno in parte le persone, ma non le determina. Sicuramente sarà stato orientato dall’ambiente in cui ha vissuto, ma per capire la sua storia bisogna ascoltarlo, e fargliela raccontare e sapergliela far raccontare. Altrimenti costruiamo risposte che servono soltanto a noi per dirci o che è un mostro o che non ha nessuna responsabilità perché la colpa sta fuori.

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Luigi Berlusconi scommette su Algojob: investito oltre un milione di euro

Con lui anche Ermotti, figlio dell'ad di Ubs

Luigi Berlusconi scommette su Algojob: investito oltre un milione di euro


in vetrina
Intelligenza artificiale e aziende italiane: le reali applicazioni

Intelligenza artificiale e aziende italiane: le reali applicazioni





motori
Addio alla Smart Fortwo: un’era di mobilità urbana si conclude

Addio alla Smart Fortwo: un’era di mobilità urbana si conclude

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.