A- A+
Cronache
Disastro Emilia, le colpe di Bonaccini. Ora ci sono le carte che lo provano

Guarda le carte. La Regione Emilia Romagna ha iniziato con colpevole ritardo a portare avanti le direttive europee che imponevano una serie di interventi per contenere il dissesto idrogeologico. Lo dimostrano le carte. E non ha neanche fatto gli interventi dovuti

 

“Sì, ci sono le carte”, rivela ad Affaritaliani il consigliere della Lega in Regione Emilia Romagna l’avvocato Michele Facci.       

Il disastro era annunciato. E Bonaccini aveva tutti i poteri: era commissario straordinario al dissesto idrogeologico dell'Emilia Romagna. Basti guardare la delibera di dicembre 2021 della giunta Bonaccini

Cosa c’è scritto?   

DIssesto Emilia Romagna prove
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"C'è la presa d'atto del piano del rischio, dove l'autorità di Bacino insieme alla Regione, e sotto il controllo di questa, ci dicono che il fiume Lamone, da Faenza alla foce, doveva essere messo in sicurezza, con una priorità definita “critical” e con priorità “alta”. Faenza è finita sott'acqua a causa del Lamone e il fiume doveva essere messo in sicurezza e non lo era. E’ evidente. E non è solo il Lamone”

emilia fiumi
 

Cos’altro?

“C’è il fiume Santerno che ha parzialmente esondato. Lì, di fianco al fiume, ci doveva essere una cassa di espansione. Anche qui la priorità era ‘alta’”

E questo è leggibile dalla carte che possiamo mostrare

“Quindi tu Regione queste criticità, con livello alto, le avevi, le conoscevi da più di un anno. Oggi è successo il disastro che abbiamo visto. Possiamo ancora dare la colpa al fato, agli eventi?”

DIssesto Emilia Romagna prove 2
 

Cosa dice lei?

“Dico che qui si vede una politica di contrasto al dissesto idrogeologico che non regge, in più c'è da aggiungere che due mesi fa è venuta a parlarci la vice presidente della Regione, Irene Priolo, e ci ha detto che fra tutti i vari enti e la Regione sono più di 1 miliardo le disponibilità per il quinquennio 2020-2025 dedicate al dissesto idrogeologico. Ma vengono usate così?”

FAcci michele
 Michele Facci

Perché succede quanto abbiamo visto?

“Facciamoci delle domande, dico. Perché poi finita l'ennesima emergenza, ricostruiamo, spendiamo i soldi ma se non abbiamo un'attività seria di programmazione saremo di nuovo da capo. Bonaccini è già da 8 anni commissario straordinario al dissesto idrogeologico dell'Emilia Romagna”

Sì, lo sappiamo e abbiamo chiesto si facesse da parte

“Tutti loro interventi dovevano avvenire sulla base di due direttive UE, ‘acque’ e ‘alluvioni’ che sono una del 2000 e l’altra del 2007 che a cascata hanno generato provvedimenti nazionale e regionali. In queste si dice che deve essere prioritaria la lotta al dissesto. Ma basti guardare l'articolo 73 della legge regionale del 2014 che praticamente che non ha avuto alcun tipo di attuazione perché le linee guida devono essere approvate nei 90 giorni successivi e sono sono state approvate dopo cinque anni. La programmazione non è stata fatta. Avevano due anni di tempo per la programmazione. Ma anche qui niente. E oggi ci si chiede perché accade quanto abbiamo visto?”

fiumi emilia 2
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bonaccinicartecolpedisastroemilia romagnaesondazionefaccipdprove
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

La conduttrice vs Striscia la Notizia

Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete





motori
Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.