A- A+
Cronache
Documenti venduti a Mosca, accuse di spionaggio a Biot: chiesto l'ergastolo

Walter Biot, la procura militare chiede l'ergastolo: l'accusa è di spionaggio per Mosca

Una richiesta dura, quella della procura militare di Roma per il capitano di fregata Walter Biot, accusato di avere ceduto nel marzo 2021 documenti classificati ad un funzionario dell’Ambasciata russa in Italia in cambio di 5mila euro. Biot, infatti, secondo il pm Antonio Sabino, deve essere condannato all’ergastolo: “Ha fatto commercio di documenti segreti” e ha dimostrato “elevato grado di infedeltà e la capacità criminale, ma anche il triste tornaconto venale“.

Nel corso della requisitoria sono state ricordate anche le immagini di due telecamere nell’ufficio di Biot, dalle quali si vede l’ufficiale alla sua scrivania prendere una scatoletta da cui estrae un cellulare, inserire una scheda Sd e fotografare lo schermo del pc e documenti cartacei. Infine Biot inserisce la scheda in una scatola di medicine, nascosta nel "bugiardino" e mette tutto nel suo zaino. “Tra i 19 documenti fotografati da Biot ce ne erano alcuni Nato secret, riservatissimi, e uno Top secret“, ha aggiunto il procuratore. Secondo quanto riferito da testimoni nel corso del dibattimento, i documenti in questione riguardavano alcuni la lotta all’Isis mentre altri mostravano debolezze e criticità dell’Alleanza Nato, specie dal punto di vista navale e marittimo. "Falle" che sarebbero poi emerse proprio durante la crisi in Ucraina e l’invasione russa.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
biot walterergastoloprocurarussiaspionaggio
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Gelo e neve per tutto marzo (e oltre), primavera "pazza"

Inverno continuo

Gelo e neve per tutto marzo (e oltre), primavera "pazza"


in vetrina
Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista

Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista





motori
Nuova Renault 4, rinasce crossover 100% elettrico

Nuova Renault 4, rinasce crossover 100% elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.