A- A+
Cronache
Impagniatello e giustizia riparativa, "potrà incontrare i genitori di Giulia"
Adolfo Ceretti

Il criminologo Adolfo Ceretti ad Affari: "Vi spiego perchè la giustizia riparativa è una rivoluzione"

Vittima e carnefice, legati dal filo del reato. Ma anche persone, i cui destini si sono incrociati e il cui “legame sociale” già esistente o meno, si è spezzato. La cronaca lo testimonia: il delitto di Giulia Tramontano, uccisa per mano del fidanzato con oltre 37 coltellate, e il duplice omicidio del napoletano, dove Raffaele Caiazzo ha ammazzato genero e nuora sono solo gli ultimi casi in cui la contrapposizione tra l’autore dell’offesa e le vittime è sempre più marcata; ma anche dove la relazione tra i due è sempre più stretta.

Casi dove una “ricomporre” il male commesso sembrerebbe impossibile, dove anche solo pensare di “riparare” appare fuori dalla realtà. Ma è davvero così? La recente Riforma Cartabia ha disciplinato in modo compiuto un istituto che prima era solo abbozzato, quello della Giustizia riparativa.

LEGGI ANCHE: “La strage di Napoli? Figlia del patriarcato”: la tesi di Perrino a Ore 14

Affaritaliani.it ha cercato di capire meglio di cosa si tratta con Adolfo Ceretti, professore ordinario di Criminologia all'Università degli Studi di Milano-Bicocca, e coordinatore scientifico dell’Ufficio di mediazione penale di Milano.

Per quali reati è possibile avviare un programma di giustizia riparativa?

I programmi di giustizia riparativa  sono  accessibili senza  preclusioni in  relazione  alla  fattispecie di reato o alla sua gravità. Anche per omicidi, violenze sessuali, sequestri di persona. Ovviamente questo principio di carattere generale va temperato in base a una serie di altri articoli.

Chi può chiedere di avviare un percorso di giustizia riparativa?

Non è solo il giudice che invia, ma anche la stessa vittima può chiedere di promuovere un percorso di giustizia riparativa. Non è impensabile, ed è successo più di una volta che sia stata la vittima a farsi promotrice del cammino riparativo. In più di un’occasione, in caso di omicidi, sequestri di persona … o in casi molto gravi di violenza. Occorre superare il pregiudizio che le vittime non desiderino incontrare i responsabili di crimini efferati, perché proprio le vittime possono avere interesse a incontrare e fare delle domande decisive a chi ha inferto il male. Solo chi lo ha commesso, infatti, è depositario di alcune verità che possono essere decisive per elaborare adeguatamente le esperienze traumatiche vissute.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
adolfo cerettigiustizia riparativasenago
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"

Finley, l'intervista di Affari

"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"


in vetrina
Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna

Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna





motori
Winkelmann CEO Lamborghini, prudente sulle BEV il primo modello arriverà nel 2028

Winkelmann CEO Lamborghini, prudente sulle BEV il primo modello arriverà nel 2028

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.